«DOLL REVOLUTION - Bangles» la recensione di Rockol

Bangles - DOLL REVOLUTION - la recensione

Recensione del 29 apr 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Giusto qualche giorno fa, recensendo il disco dei Simply Red, ci si trovò a discettare sulla portata musicale degli anni ’80, e di come spesso i gruppi di quel periodo non tra i più brillanti della musica (almeno su certi versanti) vengano spesso mitizzati e sopravvalutati. Però, proprio per questa mitizzazione, i gruppi di quel periodo si riformano sull’onda del revival.
Potrebbe essere anche il caso delle Bangles, e in parte lo è. Le Bangles, per la cronaca, furono uno dei gruppi pop-rock femminili più noti degli anni ’80: chi non si è mai ritrovato a canticchiare “Walk like an egyptian”? Recentemente qualcuno si è pure preso la briga di riattualizzare un altro numero uno del gruppo, “An eternal flame”.
Così, a 14 anni dal loro scioglimento, e a tre dalla renunion ufficiale, rieccoci a parlare di Susanna Hoffs e socie. Che tornano con un nuovo album di studio che sembra dimostrare la piacevole immobilità del tempo. Ora come allora, le Bangles fanno un pop-rock leggero ma non stupido, con una matrice derivata dal folk rock psichedelico dei Byrds e dal suono californiano degli anni ’60. In alcuni casi, come in “Something that you said”, indugiano sul versante più piacione e pop, in altri come in “Stealing Rosemary” o nella cover di Elvis Costello che dà il titolo al disco giocano un po’ di più sul versante rock. Ora come allora, le armonie vocali sono estremamente piacevoli. E ora più di allora si avverte un equilibrio tra le quattro voci (pare che le pulsioni soliste della prima voce e chitarra Susanna Hoffs siano state uno delle cause dello scioglimento).
Già, ora come allora. Le Bangles di oggi non sono poi molto diverse da quelle di 15 anni fa. Questo è il maggior pregio e, contemporaneamente, il maggior difetto di questo album. Che è piacevole, ben fatto e ben suonato, ma contemporaneamente molto, molto nostalgico.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.