«DOROTHEA - Lais» la recensione di Rockol

Lais - DOROTHEA - la recensione

Recensione del 15 giu 2001

La recensione

Un disco che comincia in maniera incerta, tanto che alle prime battute della prima canzone (“Doran”) non si capisce da che parte stia: sarà pop? Sarà dance? Dov’è il folk che avevano promesso? Subito dopo, per fortuna, si entra nel vivo della questione, ovvero in uno degli album più interessanti degli ultimi tempi. Ammesso che il genere vi piaccia, s’intende. In caso affermativo, potreste trovare davvero gradevole questo modo di intrecciare le voci che hanno le tre ragazze belghe. Uno dei paragoni più immediati è quello con il leggendario coro delle Voci Bulgare, capaci di amalgamare una nota con l’altra come fossero una persona sola, e al tempo stesso mille. Lo stesso effetto – più o meno – tendono ad ottenere le Lais, che evidentemente la musica l’hanno studiata, tanto da permettersi di attingere ai repertori tradizionali di tutto il mondo, con risultati suggestivi. Le ragazze cantano con sufficiente disinvoltura in tutte le lingue; in particolare, è ovvio, sono a loro agio con il francese, ma tentano anche un’incursione nell’italiano antico (“Benedetta”), e spiegano che “un intero mondo si nasconde dietro quelle parole”. Vero, come è vero che l’album in generale è un prodotto gradevole, adatto a chi ama gli esperimenti decisamente fuori dal main-stream, ma anche ai profani assoluti che desiderino ascoltare un disco rilassante e, allo stesso tempo, caldo. Riusciti in particolare i brani a cappella (“Le grand vent”, con l’ausilio di una voce maschile, ma anche “Belle”), sebbene tutto il lavoro nel suo complesso non manchi di suggestione. Pur senza essere epocale o imperdibile, “Dorothea” resta un disco di impatto, che non pretende di esplorare nessun nuovo terreno, ma che affonda le sue radici nella “vecchia” tradizione con garbo, e che mostra come le Lais abbiano un certo gusto, cosa piuttosto rara di questi tempi.

(Paola Maraone)

TRACKLIST

01. Doran
02. Belle
03. (Houd uw) Kanneke
04. Benedetta
05. Le grand vent
06. Les douze mois
07. De valse zeeman
08. Marider
09. Comme au sein de la nuit
10. Dorothea
11. Klaas
12. De wanhoop
13. Tina Vieri
14. Le renard et la belette
15. Le grand vent (a cappella)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.