«TROUBLE IN SHANGRI-LA - Stevie Nicks» la recensione di Rockol

Stevie Nicks - TROUBLE IN SHANGRI-LA - la recensione

Recensione del 05 lug 2001

La recensione

Scrivendo di questo disco, mi viene in mente un vecchio articolo pensato per il Mucchio Selvaggio da Stefano Ronzani: si intitolava “Il DNA del rock inglese” e parlava dei tratti distintivi che, al di là di ogni mutamento, si ritrovano immancabilmente nella musica d’oltremanica. Questo album di Stevie Nicks potrebbe invece servire da perfetto paradigma per quello che riguarda il pop-rock della west coast americana, ossia tutto quel genere che vede ammucchiati sulla stessa barca Eagles, Jackson Browne, alcune pagine di Tom Petty e James Taylor, Carole King e naturalmente loro, i Fleetwood Mac, che a un certo punto della loro vita sono diventati l’unica band inglese in grado di suonare più americana degli americani (se ricordate le feste d’insediamento alla Casa Bianca di Mr. Bill Clinton, loro c’erano sempre). E il bello è che, se prendete le ultime vicende artistiche di Stevie Nicks, non è che ci fosse da stare proprio allegri. Ricapitolando: i Mac sono ormai una meteora impazzita, fanno tour solo per i soldi, fanno dischi solo per fare tour ma restano le divinità casalinghe di ogni famiglia americana. Della loro commercializzazione e delle loro sbandate artistiche chi ne ha pagato il prezzo maggiore, almeno in termini di decadenza psicofisica, è stata proprio lei, Stevie Nicks, che nel corso degli anni ha visto affievolirsi la sua vena aggraziata e sexy fino a presentarsi come la brutta copia di se stessa, appesantita da alcol e droghe varie (altro classico di questo tipo di DNA). Disistima e crisi varie l’avevano portata sull’orlo irreversibile dell’insicurezza, terrorizzata alla sola idea di scrivere canzoni. Per “Trouble in Shangri-la” si sono mobilitati vecchi amici come Tom Petty, decisivo nel rifiutare di scriverle nuove canzoni («puoi farlo benissimo da sola», le ha detto, costringendola dopo un pianto sfrenato a riprendere la penna in mano) e nuove star della musica americana come Sheryl Crow, Sarah MacLachlan, Macy Gray. Il risultato è il miglior disco di Stevie Nicks forse dai tempi del suo esordio del 1981, “Bella donna”, con canzoni che potrebbero permettersi di risollevare le quotazioni dei Fleetwood Mac, se soltanto fossero state pensate e scritte per un loro disco. “Trouble in Shangri-la”, missato da Chris Lord-Alge e prodotto dalla stessa Nicks oltre a Sheryl Crow, Mike Campbell (Heartbreakers), Rick Nowels, John Shanks, Pierre Marchand, David Kahne, Jeff Trott, è per molti versi l’album del perfetto ritorno, il recupero di quel DNA che permette a Stevie Nicks di sedersi a testa alta tra le sue ritrovate colleghe e chiamare Sheryl Crow “la sorella minore che avrei sempre voluto avere, una parte della mia famiglia”. Da parte loro, Gray, MacLachlan e Crow lasciano trasparire per la sexy gipsy degli anni ’80 tutto l’affetto e soprattutto il rispetto che è dovuto a chi, in un certo senso, ha insegnato loro cosa significa scrivere una bella canzone. And the legacy goes on...

(Luca Bernini)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.