«...IN TEORIA - Sottotono» la recensione di Rockol

Sottotono - ...IN TEORIA - la recensione

Recensione del 09 apr 2001

La recensione

Si placano le polemiche sul presunto plagio di un brano degli N’Sync nella sanremese “Mezze verità” e i Sottotono pubblicano il loro quarto album. Un disco nel quale Fish e Tormento mantengono alla base la formula che si è finora dimostrata vincente: ritmi lenti, arrangiamenti in stile soul e una tendenza alla melodia più accentuata rispetto alla media delle produzioni rap. In effetti, l’ala rap alla quale il duo fa riferimento è quella della scena nera della West Coast americana; quella, per intenderci, di Dr. Dre e Snoop Doggy Dog. Il sound dei Sottotono di “…In teoria” si è però ulteriormente ammorbidito rispetto ai lavori precedenti ed è ancora più inclinato verso il R&B, con sviluppi strutturali e vocali che si avvicinano un po’ di più alla forma canzone. Complici anche i testi, che seguono sì il messaggio di fratellanza universale caratteristico dell’Hip-Hop, ma rivolto più alla sfera sentimentale che a quella sociale. O meglio, alla sfera dei valori umani e dei rapporti interpersonali. Già la canzone portata al Festival di Sanremo aveva proposto una visione molto seria dell’amicizia e nelle altre selezioni si affrontano altri aspetti dei rapporti fra le persone. In questo risulta particolarmente significativo il contenuto di “Il mio sogno”, una morbida ballata soul che auspica un mondo senza odio: “Non sarebbe difficile imparare a rispettarci e aiutarci fra di noi”. “Spiritualità” è invece un dub con la collaborazione di Stena, cantante dei Reggae National Tickets, mentre l’antiproibizionista “Fai su!” è un esercizio di ragga style. Nel brano d’apertura, “Da me”, i Sottotono si avvalgono della collaborazione del rapper Nesly Rice, così come la bella corista Eva sottolinea con la sua voce buona parte dei brani del disco.

(Diego Ancordi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.