«RUGGINE - Gea» la recensione di Rockol

Gea - RUGGINE - la recensione

Recensione del 28 mar 2001

La recensione

L’esordio “in grande” dei Gea – giunti ad un album dopo un lungo apprendistato fatto di demo, opening act agli amici Verdena e centri sociali – non è di facile collocazione: il loro è un sound potente, di forte stampo chitarristico con richiami tanto all’indie rock europeo (vengono in mente alcune band inglesi, ma non solo) quanto l’emocore statunitense più recente e contaminato. In effetti la produzione e il suono finale dell’album rendono giustizia alle composizioni di Steo, Nick e Benny: la semplicità strutturale degli arrangiamenti non perde d’impatto, riuscendo a sprigionare un sound fresco e piuttosto originale. Poi ci sono i pezzi: alcuni forse ingenui (“Ancora in viaggio”, in apertura, suona un po’ troppo ammiccante, banalizzando uno spunto valido), altri ben congegnati ed interessanti (“Il sole non scompare”, ottimo, anche se forse troppo compiaciuto sul finale), ma nel complesso onesti e diretti. Si potrebbe dire che quello che i Gea perdono in originalità venga riguadagnato dagli stessi in potenza: la voce, ad esempio, è a tratti toppo lirica, incedendo su code strumentali con linee melodiche che scivolano nel manierismo (gli esempi, molto vicini l’uno all’altro, possono essere “La ferita viva” e “Non quadra”: la prima vocalmente prevedibile, la seconda molto più originale), così come l’assolo di chitarra sempre in “Non quadra”, sopra le righe ma – soprattutto – stilisticamente “stonato”. Niente da dire sul resto: le chitarre (faccia testo “Punto di fuga”) non hanno nulla da invidiare alle più blasonate uscite straniere, così come la sezione ritmica, sempre presente e precisa, discreta all’occorrenza ma sempre in agguato per dare il “tiro” giusto quando il pezzo è in fase di decollo.

(Davide Poliani)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.