«REUNION - Black Sabbath» la recensione di Rockol

Black Sabbath - REUNION - la recensione

Recensione del 29 ott 1998

La recensione

Dopo greatest-hits, compilations e "Best of" assortiti l’unica domanda è: abbiamo davvero bisogno di questo CD? Rispostaper i blandamente interessati: no. Per tutti gli altri è un "sì" colossale. A quasi 20 anni dallo "split" questo doppio album documenta le due magiche sere del dicembre ‘97, quando i Black Sabbath, in line-up degli esordi, si sono finalmente riaffacciati al pubblico di Birmingham, la loro città natale. Mollandogli in faccia badilate di potenza rock che ancora sono lì a girare come tornelli del metrò. Dopotutto a chi mai gliene è fregato niente di Eric Singer o Bev Bevan? El pueblo, unido, voleva Ozzy-Tony-Geezer-Bill. E così è stato, amen. I quattro, di nuovo assieme metallicamente, hanno infuocato i sedicimila della NEC Arena della dura città delle Midlands inglesi. Alla fin della fiera, i pezzi che dispiegano l’intera e smargiassa potenza di fuoco dei Sabs sono sempre i soliti quattro; però, raga, che roba. Avranno pure due secoli in quattro, Bill Ward sembra un pensionato che va a dar da mangiare ai piccioni, ma il fuoco è ancora lì. Ecco quindi una "Sabbath bloody Sabbath" da far headbangare un paralitico, una "Paranoid" che farebbe resuscitare Lazzaro e pogare gli storpi, una "Black Sabbath" da sette minuti e mezzo che a distanza di quasi trent’anni mantiene intatte le sue psicosi malate, tra campane funebri e la rutilante chitarra di Iommi, ed una "War pigs" con un commovente pubblico al controcanto: monumentale, torreggiante, tonitruante.

Tracklist:
"War pigs"
"Behind the wall of sleep"
"N.I.B."
"Fairies wear boots"
"Electric funeral"
"Sweet leaf"
"Spiral architect"
"Into the void"
"Snowblind"
"Sabbath bloody Sabbath"
"Orchid/Lord of this world"
"Dirty women"
"Black Sabbath"
"Iron man"
"Children of the grave"
"Paranoid"
"Psycho man"
"Selling my soul"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.