Metallica, il film concerto 'S&M²' arriva al cinema: la recensione

Su grande schermo il ritorno al set sinfonico di James Hetfield e soci a vent'anni dal primo esperimento a Berkeley riempie occhi e orecchie dello spettatore, segnando un passaggio più importante di quanto non si possa pensare nella carriera del gruppo

Metallica, il film concerto 'S&M²' arriva al cinema: la recensione

Si è preso una bella responsabilità, Wayne Isham, nell'accettare la regia di "S&M²", remake - o reboot, o ancora celebrazione, in arrivo nei cinema italiani il prossimo 18 ottobre - dello storico "S&M" di vent'anni fa, quando i Metallica alzarono l'asticella della grandeur mainstream rock esibendosi con la San Francisco Orchestra per due serate al Berkeley Community Theatre: la rilettura di una pietra miliare richiede per lo meno cautela e rispetto, anche perché i tempi cambiano e coi tempi cambiano anche il peso dei simboli e il significato dei gesti.

Doverosa, quindi, prima che la parola venga lasciata alla musica e alle canzoni, l'introduzione documentaristica sulla preparazione dello show, funzionale innanzitutto a marcare la distanza tra il lavoro originale sugli arrangiamenti - firmato dallo scomparso Michael Kamen - e il nuovo team assemblato per "S&M²" diretto da Michael Tilson Thomas. E' una fase molto delicata, quella che precede il live vero e proprio, dove Edwin Outwater e Bruce Coughlin - rispettivamente il direttore d'orchestra e l'arrangiatore - lasciano trasparire il rispetto per il lavoro di Kamen, che - più che l'inevitabile benchmark - pare essere rimasta la bussola usata dall'equipaggio per ripetere, vent'anni dopo, l'impresa.

Se nel primo "S&M" la scommessa dei Metallica era quella di calarsi in un contesto a loro del tutto alieno - quello di un teatro, con l'accompagnamento di un'orchestra sinfonica - per "S&M²" la sfida è stata per certi versi ribaltata: il Chase Center di San Francisco - la struttura che lo scorso mese di settembre è stata inaugurata proprio dalla doppia data sinfonica dei Four Horsemen - è né più né meno la più classica delle arene dove James Hetfield e i suoi sono di casa. Mentre vent'anni fa a stupire fu la dimensione più intima, a tratti cameristica, dello show imbastito dal gruppo di "Kill'em All", il concerto portato sul grande schermo da Isham non nasconde il piglio smaccatamente celebrativo, e per certi versi va bene così: laddove a risentirne, in quanto a resa finale, è l'atmosfera - le insegne degli sponsor che fanno da sfondo al primo piano del frontman non sono esattamente il massimo - a recuperare punti è la potenza dell'impianto scenico e dell'audio, che nonostante i tempi di lavorazioni piuttosto stretti (due settimane, nello specifico) restituisce fedelmente l'autentico muro di suono scaricato dall'impianto nelle orecchie degli spettatori. 

Restano le inevitabili modifiche nella setlist, con l'incipit e la chiusura identiche al concerto del '99 integrati agli aggiornamenti al repertorio più recente, scelta sacrosanta che valorizza l'intera operazione smarcandola dalla cifra di autoreferenzialità che le due ore e mezza della pellicola avrebbe reso poco sostenibile, soprattutto ai fan meno devoti del gruppo.

Due ore e mezza di show e un’energia sprigionata in tale quantità sia dal palco che dalla platea sono più uniche che rare da trovare, nei rockumentary degli ultimi anni: più che una celebrazione o un'operazione discografico commerciale, “S&M2" – per l'impegno in termini sia economici che emotivi profuso nella realizzazione dello stesso dalla band e dal suo entourage – pare più una quadratura del cerchio, un passaggio obbligato nella carriera di una band che è sempre stata capace di avere ragione del proprio destino, anche quando questi – come si è messo a fare ultimamente – decide di iniziare a giocare sporco. I fan non se ne privino, gli altri provino ad accettare la sfida: se non è understatement quello che cercate nel rock in tutte le sue declinazioni, questo è il live movie che potrebbe fare al caso vostro…

 

Setlist:

1 The Ecstasy of Gold (Ennio Morricone)
2 The Call of Ktulu
3 For Whom the Bell Tolls
4 The Day That Never Comes
5 The Memory Remains
6 Confusion
7 Moth Into Flame
8 The Outlaw Torn
9 No Leaf Clover
10 Halo On Fire
11 Scythian Suite, Op. 20, Second Movement (Sergej Sergeevič Prokof'ev)
12 Iron Foundry
13 The Unforgiven III
14 All Within My Hands
15 (Anesthesia) - Pulling Teeth (con assolo di Scott Pingel al contrabbasso elettrico)
16 Wherever I May Roam
17 One
18 Master of Puppets
19 Nothing Else Matters
20 Enter Sandman

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.