«NOW AND THEN - Paul Stanley» la recensione di Rockol

Il soul e il rhythm&blues secondo Paul Stanley

Il chitarrista dei Kiss pubblica un album sorprendente con una nuova band: i Soul Station.

Recensione del 24 mar 2021 a cura di Paolo Panzeri

Voto 8/10

La recensione

Dopo quasi cinquanta anni ad interpretare con infinito successo lo 'starchild' con i Kiss - cerone bianco sul viso, rossetto rosso sulle labbra e stella nera dipinta sull'occhio destro – il sessantanovenne Paul Stanley mette insieme una big band, i Soul Station – formata da quindici elementi - volge lo sguardo al sé ragazzino e rende omaggio alle canzoni con le quali è cresciuto, quelle che ascoltava alla radio negli anni Sessanta e Settanta: l'epoca d'oro di soul e rhythm&blues.

Il musicista newyorkese, del resto, il suo amore per quel genere musicale lo dichiara a chiare lettere: “Molto prima di ascoltare le grandi band britanniche sono cresciuto ascoltando il Philly Soul e la Motown e sono stato fortunato ad aver visto in azione Otis Redding e Solomon Burke. Quella musica e quei testi mi hanno dato forza e speranza, soprattutto nei momenti difficili. Considero i grandi classici di quell'epoca alla stregua di medicine magiche che tutti dovrebbero riscoprire”.

Classici soul e rhythm&blues

Per amor di precisione, i Soul Station di Paul Stanley non sono una alzata d'ingegno dell'ultima ora, sono attivi dal settembre 2015 come live band di cover di brani soul e rhythm&blues. Evidentemente soddisfatti dell'esperienza ora pubblicano un album, "Now and Then", che si compone di quindici brani: nove sono le cover, mentre cinque quelli di nuova scrittura. Per il disco d'esordio i Soul Station hanno riproposto canzoni che erano parte della scaletta dei loro concerti e si sono misurati (mirando in alto) con i Five Stairsteps di "O-o-h Child" (1970), (primo singolo di "Now and Then"), poi gli Spinners di "Could It Be I'm Falling In Love" (1972), i Four Tops di "Baby I Need Your Loving" (1964), i Miracles di Smokey Robinson di "The Tracks Of My Tears" e "Ooo Baby Baby" (entrambe del 1965), i Temptations di "Just My Imagination (Running Away With Me)" (1971), l'immortale Al Green di "Let's Stay Together" (1972), gli Stylistics di "You Are Everything" (1971) e i Delfonics di "La-La – Means I Love You" (1968).

Che voce Paul Stanley!

L'impresa è ottima, non c'è che dire, e si mantiene sui binari dell'omaggio più che su quelli, massimamente scivolosi, dello scimmiottamento e dell'imitazione.

La maggiore sorpresa all'ascolto del disco, più che il deciso cambio di genere musicale da parte del Paul Stanley che conosciamo abitualmente per il suo più che egregio lavoro nei Kiss, è per la sua capacità di interpretare perfettamente il sentimento insito in quella musica che appartiene essenzialmente alla tradizione black. Oltre a mostrare una perizia vocale che merita un sincero plauso (anche se Stanley sostiene che in fin dei conti 'cantare è cantare', a prescindere dal genere musicale), un altro convinto plauso va indirizzato alla composizione della tracklist per l'omogeneità tra vecchio e nuovo che si uniscono a formare una perfetta amalgama. I nuovi brani infatti non pagano pegno al cospetto di grandi classici che a loro tempo conobbero gli onori delle classifiche di vendita.

In futuro ancora i Kiss?

In "Now and Then" Paul Stanley si dedica unicamente al ruolo di cantante lasciando la sua virtuosa chitarra nella custodia e lasciando ai Soul Station l'onere di svolgere un lavoro davvero egregio. Tra i numerosi componenti della formazione figurano il batterista dei Kiss, Eric Singer – che, al pari di Stanley, rivela grande sensibilità musicale – e il 'nostro' Alex Alessandroni alle tastiere. Solo il tempo a venire potrà svelare se il progetto Soul Station avrà avuto un qualche futuro oppure se, per Paul Stanley e i suoi musicisti, questo disco sarà destinato a rimanere una libera uscita da altri impegni. In attesa di nuove, per ora, complimenti.

TRACKLIST

01. Could It Be I'm Falling In Love (04:00)
02. I Do (03:10)
03. I, Oh I (03:15)
04. Ooo Baby Baby (03:05)
05. O-O-H Child (03:40)
06. Save Me (From You) (03:29)
07. Just My Imagination (Running Away With Me) (03:54)
08. Whenever You're Ready (I'm Here) (03:02)
09. The Tracks Of My Tears (03:01)
10. Let's Stay Together (03:46)
11. La-La – Means I Love You (03:57)
12. Lorelei (03:07)
13. You Are Everything (03:45)
14. Baby I Need Your Loving (03:04)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.