«OBE - Mace» la recensione di Rockol

Mace, quando la musica urban punta in alto

Il produttore milanese, accompagnato da una lunga serie di ospiti, sforna un progetto con suoni ricchi di sfumature

Recensione del 12 feb 2021 a cura di Claudio Cabona

Voto 7,5/10

La recensione

Anticonformismo, rifiuto della banalità e voglia di elevare la musica urban, sia sotto il profilo sonoro che testuale. “OBE”, acronimo di Out Of Body Experience (esperienza extra-corporea)”, progetto discografico del produttore Mace (leggi qui la nostra intervista), è un lavoro ambizioso.

In primis perché spinge i tanti ospiti presenti a uscire dai propri recinti, sperimentando modi di cantare nuovi o abbracciando sonorità diverse. Anche i feat, a prima vista schizofrenici, mettono sale e pepe sul risultato finale. Mace è abile nel tessere tappeti sonori particolari, che mischiano l’elettronica e la trap al soul e all’R&B, anche passando attraverso l’uso di strumenti suonati per davvero e non riprodotti a computer. Simone Benussi, questo il suo vero nome, ha anche chiesto ai suoi ospiti di non accontentarsi di rimanere in superficie, come spesso capita nel modo rap, nel momento della scrittura. Ma di scavare. L’obiettivo, anche in questo caso, è stato centrato.

Un arcobaleno di suoni e parole

Il disco parte con “Colpa tua” con Venerus e Guè Pequeno, prima coppia anomala del progetto. È un brano caldo, dalle tinte R&B, su cui si scolpiscono le parole del rapper e che fa da apripista alla hit “La canzone nostra”, il pezzo di traino di “OBE”.

Un altro brano riuscito è “Buonanotte”: Noyz Narcos si conferma un fuoriclasse, mentre Franco126, con il ritornello “Forse quando si muore non si va lontano”, rende tutto più mistico. “Ayahuasca” è una canzone romantica con una coppia “matta” composta dal cantautore Colapesce e da Chiello degli Fsk, che esce dal ruolo di trapper controverso per assurgere a una dimensione più cantautorale. Mace lo ha definito un brano “alla Battiato, ma in trip”. “Candyman” con Gemitaiz è un concentrato di punchline, che come saette si innestano sui suoni. Dopo la tempesta si torna alla calma con “Senza fiato”: l’inizio è affidato alle vibrazioni di una chitarra acustica. Joan Thiele ha una voce ammagliante e magica. Canta “Volevo solo un po’ di follia”, sempre a fianco di Venerus, uno dei veri deus ex machina di questo progetto. “Acqua” con Rkomi e Madame è un altro gioiellino ricco di metafore e sfumature sonore, mentre “Sogni lucidi” è contraddistinto da tanto ritmo, con un Rosa Chemical lontano dalla sua comfort zone.

La canzone da ascoltare: “Dio non è sordo”

Difficile indicare un pezzo sopra gli altri, tutto il progetto spinge verso un ascolto complessivo, soprattutto per la sua eterogeneità. Sul finale merita di essere ascoltato “Dio non è sordo” con Izi, Jack The Smoker e Jake La Furia. Il rapper genovese è spirituale e potente, una fotografia di quanto “OBE” custodisca testi per nulla banali. “Hallucination”, brano elettronico raffinato che sembra la colonna sonora di un film, chiude il cerchio.

TRACKLIST

01. COLPA TUA ⫷⫸ (con VENERUS & GUÈ PEQUENO) (03:04)
02. LA CANZONE NOSTRA ⟁ ︎(con BLANCO & SALMO) (03:57)
03. DAL TRAMONTO ALL’ALBA ⚭ (con VENERUS & GEMITAIZ) (03:41)
04. BUONANOTTE ❈ (con NOYZ NARCOS, FRANCO126 & SIDE BABY) (03:28)
05. NON VIVO PIÙ SULLA TERRA ༻ (con RKOMI & VENERUS) (05:11)
06. AYAHUASCA ☰ (con COLAPESCE & CHIELLO_FSK) (04:07)
07. CANDYMAN ༄ (con GEMITAIZ) (03:44)
08. NOTTE FONDA ཨ (con KETAMA126 & PSICOLOGI) (04:16)
09. SENZA FIATO ཀརྨ (con VENERUS & JOAN THIELE) (03:31)
10. ACQUA ཆུ (con RKOMI & MADAME) (03:09)
11. SOGNI LUCIDI ⊰⊱ (con CARL BRAVE & ROSA CHEMICAL) (03:06)
12. SIRENA མེ (con ERNIA, SAMURAI JAY & DARRN) (03:58)
13. TOP BOY ⨳ (con GEOLIER) (02:12)
14. RAGAZZI DELLA NEBBIA ♅ (con FSK SATELLITE & IRAMA) (03:10)
15. SCOSTUMATO ♄ (con J LORD & FRITZ DA CAT) (01:49)
16. DIO NON É SORDO ལྷ (con IZI, JACK THE SMOKER & JAKE LA FURIA) (03:31)
17. HALLUCINATION ☿ (04:32)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.