«BLUE HEARTS - Bob Mould» la recensione di Rockol

La rabbia di Bob Mould

L’ex-Husker Du torna con un disco diretto e “con il cuore in mano”, che riassume una carriera tra le migliori nel rock indipendente

Recensione del 30 set 2020 a cura di Gianni Sibilla

Voto 8/10

La recensione

“Ho il cuore in mano”, canta Bob Mould nell’iniziale “Heart on my sleeve”. Nella sua carriera solista post-Husker Du, ne ha provate di tutte: cantautorato acustico (lo stupendo esordio con “Workbook”, primo album dopo lo scioglimento della band), ritorno al rock, elettronica, una band che ha avuto anche un discreto successo in Inghilterra (gli Sugar), per poi sistemarsi comodo su una sfilza di album forse meno vari, ma decisamente solidi. Questo è il disco più rilevante di questa fase della sua carriera ed anche il più diretto.

Il suono di una vita
Negli ultimi 10 anni, Mould ha girato attorno alla sua identità musicale, con dischi mai meno che dignitosi: forse solo l’ultimo “Sunshine rock” era fin troppo pop-rock per uno che ha sempre fatto dell’introspezione la sua chiave. Però ci stava che ad un certo punto Mould producesse un disco senza troppe sovrastrutture, solare per definizione fin dal titolo.
“Blue hearts” è la reazione uguale e contraria a quel disco, nell’America di Trump: un album altrettanto diretto, ma scuro, quasi punk: un riassunto della sua carriera con riferimenti diretti ai suoi esordu, con le chitarre violente e le canzoni veloci (14 in 36 minuti, una sola sopra i 3’ e diverse sotto i 2’).

Canzoni che spesso iniziano .in medias res, sfumate all’inizio e una in fila all'altra come una sequenza di pugni da un pugile, mentra la voce è sepolta nel mix, ben indietro rispetto alle chitarre. C’è qualche acustica, qua e là (la 12 corde “pestata” è un’altro dei suono classici di Mould, già dagli anni ’80); ma in “Forest of Rain” si parte così e si finisce lì, al rock, anzi, al punk-rock.

La rabbia di una vita
E poi ci sono i testi “I never thought I'd see this bullshit again/To come of age in the '80s was bad enough/We were marginalized and demonized/I watched a lot of my generation die”, canta Mould nel primo brano, "American Crisis", il più esplicito di tutti,. Il riferimento è all’America omofoba, razzista e perbenista di Reagan, martoriata dall’AIDS (e perfettamente raccontata da Lou Reed in “New York”), dove sono nate le radici di quella attuale. Un pugno nello stomaco, la dimostrazione che il rock di cose da dire ne ha ancora, eccome.

La canzone imperdibile
La finale “The ocean”, che parte come una tranquilla e finisce in un mare di feedback, riassumendo alla perfezione il percorso dell’album

TRACKLIST

01. Heart on My Sleeve (01:58)
02. Next Generation (02:20)
03. American Crisis (02:28)
04. Fireball (01:39)
05. Forecast of Rain (02:26)
06. When You Left (02:32)
07. Siberian Butterfly (02:10)
08. Everyth!ng to You (02:51)
09. Racing to the End (01:51)
10. Baby Needs a Cookie (02:57)
11. Little Pieces (02:37)
12. Leather Dreams (02:53)
13. Password to My Soul (02:54)
14. The Ocean (03:56)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.