«WALLS - Louis Tomlinson» la recensione di Rockol

Ex One Direction, anche Tomlinson debutta come solista (e collabora con Noel Gallagher)

Ecco l'album d'esordio del cantante, che recupera l'indie rock di fine Anni '90 con riferimenti al Brit pop.

Recensione del 13 feb 2020 a cura di Redazione

La recensione

Louis Tomlinson è l'ultimo degli (ex) One Direction ad esordire come solista. Il primo, come noto, è stato Zayn Malik, che nel 2015 lasciò la boyband per poi pubblicare l'anno successivo "Mind of mine", tra pop, soul e r&b contemporaneo. Lo ha seguito nel 2017 Harry Styles, che con il suo eponimo album di debutto ha preferito spostarsi verso sonorità più rock, strizzando l'occhio a David Bowie e ai grandi gruppi degli Anni '70 (virando poi verso sonorità più psichedeliche con il recente "Fine line"). Sempre nel 2017 è uscito il primo disco di Niall Horan, "Flicker", un folk pop semplice e genuino che il prossimo marzo sarà seguito da "Heartbreak weather". E se nel 2018 Zayn Malik è tornato sulle scene con il progetto "Icarus falls" (più una playlist, che un album vero e proprio), nel 2019 anche Liam Payne si è deciso a spedire nei negozi il suo primo album, "LP1", tra pop e hip hop.

"Walls" racconta quella che è la vita del cantante (classe 1991) da quando gli One Direction hanno annunciato la pausa a tempo indeterminato (era il 2016). Il sound si rifà all'indie-rock di fine Anni '90 / primi anni Duemila, con echi del Brit-pop, come testimonia la collaborazione con Noel Gallagher, che ha partecipato alla scrittura della title track, il singolo scelto per accompagnare l'uscita del disco dopo le anticipazioni di "Two of us", "Kill my mind", "We made it" e "Don't let it break your heart". Il tutto "filtrato" dall'attitudine pop dell'ex One DIrection.

Le relazioni, la famiglia, la follia della giovinezza e il senso di insicurezza e inadeguatezza sono i temi più ricorrenti delle dodici canzoni dell'album, che vede la collaborazione anche di Jamie Hartman (Rag’n’Bone Man, James Bay), Jamie Scott (One Direction, Justin Bieber) e Andrew Watt (Blink-182, Post Malone, 5 Seconds of Summer).

"Sento che questo è come se fosse di nuovo l'inizio della mia carriera, con tanto da guardare al futuro", dice Louis Tomlinson a proposito del disco, "onestamente, ho vissuto tutte le emozioni possibili negli ultimi anni e ne sono uscito più forte e più sicuro di quanto non sia mai stato. So di aver realizzato un album che piacerà ai miei fan, uno che suona come me e ha una sua identità. A volte non ero sicuro che fosse quello che avrei dovuto fare. Ora non riesco a immaginare di fare nient'altro".

TRACKLIST

01. Kill My Mind (03:41)
03. Two of Us (03:37)
04. We Made It (03:21)
05. Too Young (03:49)
06. Walls (03:49)
07. Habit (03:03)
08. Always You (03:07)
09. Fearless (03:04)
10. Perfect Now (03:06)
11. Defenceless (03:43)
12. Only the Brave (01:46)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.