«HOTSPOT - Pet Shop Boys» la recensione di Rockol

Pet Shop Boys: l'hotspot è al Checkpoint Charlie

L'ultimo album del duo inglese è intriso di atmosfere berlinesi e non tradisce la consueta anima synth pop di Tennant e Lowe.

Recensione del 27 gen 2020 a cura di Daria Croce

La recensione

“La più consistente scoperta che ho fatto pochi giorni dopo aver compiuto 65 anni è che non posso più perdere tempo a fare cose che non mi va di fare”, a dirlo è il protagonista de “La Grande Bellezza” di Sorrentino, ma la frase potrebbe essere ripresa da Neil Tennant e Chris Lowe, per almeno un paio di motivi.

Il primo è che i Pet Shop Boys, nonostante siano alle soglie dei 40 anni di carriera, non hanno mai strizzato l’occhio alle mode del momento, ma hanno continuato a produrre musica seguendo il loro stile e “Hotspot” non fa eccezione.
Il secondo è legato, banalmente, all’apprezzamento rivolto dal duo inglese al film italiano con Toni Servillo, nel corso di una recente intervista rilasciata a Rolling Stone. Avendone amato, in particolare, la fotografia, i Pet Shop Boys hanno voluto ricreare quel tipo di atmosfera festaiola, fatta di eccessi e stravaganze, nel video di “Monkey Business”.

Atmosfera che viene ripresa anche nelle sonorità di questo quattordicesimo album in studio, con le sue dieci tracce che mescolano pop ed elettronica a base di synth.
La registrazione avvenuta presso gli Hansa Tonstudios di Berlino, tempio di Davide Bowie e Depeche Mode - dove è stato possibile utilizzare anche strumentazione analogica - ha caratterizzato ulteriormente il marchio Tennant/Lowe.

La presenza della capitale tedesca si fa sentire anche nei testi, dalla traccia di apertura, “Will-Of-The-Wisp”, ambientata sulla metropolitana della città (“The U1 is such a party train / From Uhland to Warschauerstraße / Emerging from below past Nollendorfplatz”) a quella di chiusura, “Wedding in Berlin”, il cui titolo è anche un gioco di parole con il quartiere di Berlino, Wedding.

Nonostante la leggerezza pop di molti brani, tra cui il singolo di punta "Dreamland" (in collaborazione con gli Years & Years), si avverte anche una punta di malinconia che, però, non disturba. Anzi.
D’altronde, lo dicono anche nel film di Sorrentino: “Ma cosa avete contro la nostalgia? È l'unico svago che resta a chi è diffidente verso il futuro”.

TRACKLIST

01. Will-o-the-wisp (04:27)
02. You are the one (03:35)
03. Happy people (03:51)
04. Dreamland (03:28)
06. I don't wanna (04:02)
07. Monkey business (04:08)
08. Only the dark (03:38)
10. Wedding in Berlin (04:39)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.