«CELESTIAL - Rob Halford» la recensione di Rockol

Happy metal Christmas da Rob Halford

"Gioite tutti, Gesù è nato, e tanti auguri al consigliere borchiato" [cit. con licenza poetica] ... un disco natalizio dal frontman dei Judas Priest. Ma era proprio necessario?

Recensione del 26 dic 2019 a cura di Andrea Valentini

La recensione

“Amo il periodo natalizio e la musica che evoca. Per tutti noi il Natale è sempre un momento fatto anche di musica a tema che suona di continuo – da bambini, a casa, ma anche al pub con gli amici. Mi sono ispirato ai miei ricordi e poi mi ero divertito moltissimo dieci anni fa a incidere l’album ‘Winter Songs’”. Ipse dixit: Rob Halford spiega così questa sua nuova incursione nella densa melassa dei Christmas album, appuntamento inevitabile – nel bene e nel male – di ogni anno. E a cui non pochi artisti cedono, vuoi per reale attaccamento alla festività dell’albero e del presepe, vuoi per necessità di rimpinguare in qualche maniera il conto in banca.

In questo caso, forse per rafforzare il concetto di Natale in famiglia, Halford chiama a sé anche il fratello Nigel alla batteria, il nipote Alex al basso e sua sorella che si è occupata di suonare campanelli e campanellini per creare più atmosfera (alle chitarre troviamo gli amici Robert Jones e Jon Blakey).

Tutto bellissimo, almeno per Rob, estasiato (a suo dire) da questa reunion di consanguinei in studio. Ma a noi cosa resta dopo qualche ascolto di “Celestial”?

Onestamente è una sensazione di puro e semplice “Boh!?”, nel senso che oltre all’operazione commerciale, giustificata dalla presenza di molte altre simili (e dal fatto che a Natale siamo tutti più buoni, quindi chiudiamo un occhio su molte più cose) c’è davvero poco altro. Anzi, quasi nulla.

Lo status leggendario di Rob è innegabile, ma non per questo può giustificare e/o salvare ogni eventuale passo falso o caduta di stile. E l’album di natale metal lo è praticamente per definizione fin da quel lontano 1985, quando uscì forse il progenitore di questo tipo di lavori, ossia il disco “X-Mas Project”, in cui diversi musicisti della scena heavy, thrash & speed tedesca (quasi tutti sotto contratto per la Noise Records, all’epoca una potenza nel campo) offrivano versioni metalliche di alcuni classici natalizi. Insomma, già allora sembrava un’idea avvicinabile alla pizza con l’ananas o ai deodoranti per ambiente al gorgonzola. Ma tant’è.

Si diceva dello status: e purtroppo non basta a cancellare la sensazione di avere ascoltato un disco di Natale che, oltre a non essere particolarmente natalizio, nemmeno diverte. Sì, ci sono una manciata di pezzi originali (sempre a tema) che potrebbero essere inclusi in una raccolta di outtake di quelle in cui si raschia il barile fino a vedere il legno vivo. Ma niente più. Le cover sono più che trascurabili: è un dato oggettivo.

Halford si è divertito a farlo, dicevamo, e ne prendo atto. Ma senza volere per forza fare la parte del Grinch, non posso in tutta onestà dire che “Celestial” sia un’operazione riuscita. Anzi. E’ un po’ come quando devi fare il presepe e aprendo le scatole chiuse l’anno passato noti che ti si sono rotte le statuette del bue, dell’asinello e di San Giuseppe.

TRACKLIST

01. Celestial (01:32)
02. Donner and Blitzen (03:31)
03. God Rest Ye Merry Gentlemen (02:45)
04. Away In a Manger (04:03)
05. Morning Star (04:14)
06. Deck the Halls (05:03)
07. Joy to the World (02:48)
08. O Little Town of Bethlehem (05:31)
09. Hark! The Herald Angels Sing (02:06)
10. The First Noel (04:24)
11. Good King Wenceslas (07:28)
12. Protected by the Light (01:48)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.