«SATURDAY NIGHT MASSACRE - Live Skull» la recensione di Rockol

Live Skull: NYC noise strikes back

Dopo tre decenni di stop, torna uno dei nomi di punta di una scena storica

Recensione del 30 nov 2019 a cura di Daria Croce

La recensione

È un autunno caldo per i nostalgici del noise anni Ottanta.
Dopo “Leaving Meaning” degli Swans e l’esordio da solista di Kim Gordon con “No Home Record”, ora è la volta di “Saturday Night Massacre” che segna il ritorno dei Live Skull a 30 anni di distanza da “Positraction”.
L’ultimo album della band newyorchese è di una coerenza disarmante, con lo stesso mix di noise e post-punk che caratterizzava proprio quel tipo di scena (per usare anche il linguaggio di allora).

Così dalla title track - che è già una garanzia, visto il riferimento al Watergate - a un’altra dichiarazione di intenti quale “Up Against The Wall”, da “Details of the Madness” a “Never Kill the Client” fino al gran finale con “The Date”, questo disco è un porto sicuro per chi vorrebbe respirare ancora quel tipo di atmosfera. 
La stessa in cui fluttuavano Marc C e soci ai tempi del CBGB’s, dove nel 1987 registrarono “Don't Get Any on You”.

Tuttavia, la bellezza di queste dieci tracce sparate dritte allo stomaco consiste anche nel non risultare obsolete. Sono canzoni in linea con il background della band, ma che al contempo riescono a risultare al passo coi tempi.

Sarà merito della produzione e di una rinnovata lineup (cui si somma il contributo di due membri della vecchia formazione, Thalia Zedek and Marnie Jaffe), ma anche dei testi che, gettando uno sguardo sulla società attuale, trattano temi quali la violenza della polizia, le molestie sessuali e quel senso di destino ineluttabile che aleggia sulle nuove generazioni.

I Live Skull, quindi, non rinnegano niente e tengono fede al loro impegno, con un ritorno che suona come una sparatoria.
Perché “Saturday Night Massacre” è un bel disco grezzamente ricercato, come un regolamento di conti in un film di Tarantino.

TRACKLIST

01. Saturday Night Massacre (03:41)
02. Nova Police (02:51)
03. Up Against the Wall (04:16)
04. Memory Time-Slip (05:26)
05. Identical Skies (04:33)
06. Details of the Madness (03:50)
07. Shadow War (04:26)
08. Never Kill a Client (03:34)
09. Midnight Zone (04:57)
10. The Date (04:17)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.