«NO HOME RECORD - Kim Gordon» la recensione di Rockol

Fatevi mettere alla prova da Kim Gordon

L'ex Sonic Youth ha debuttato da solista con un disco che sfida l'ascoltatore a fare i conti con la propria inquietudine. Che suona schizofrenico ma anche molto, molto seducente...

Recensione del 16 ott 2019 a cura di Davide Poliani

La recensione

Ascoltare "No Home" facendo la tara delle vicende private degli ultimi anni di Kim Gordon è difficile: senza scendere nei dettagli - per quelli c'è la sua (ottima) autobiografia, "Girl in a Band" del 2015 - la madrina del noise rock a stelle e strisce dai tempi del canto del cigno dei Sonic Youth, "The Eternal" del 2009, dalla vita è stata messa alla prova, senza però lasciarsi mettere alle corde.

Quanto le dolorose vicissitudini che suo malgrado l'hanno vista protagonista nel passato recente abbiano influito sulla scrittura dei nove brani che compongono il suo debutto da solista sarà lei a spiegarlo: a un ascolto senza filtri biografico-cronachistici, "No Home" pare un disco nervoso, inquieto e a tratti arrabbiato. E sicuramente molto interessante.

Detto che l'eredità della band di "Daydream Nation" è enorme, la Gordon ha avuto il merito di essere riuscita a trovare una via che la emancipasse dal suo passato nel quartetto newyorchese riannodando le fila del discorso interrotte con l'implosione del progetto - artistico e umano - condiviso con Thurston Moore: ritrovatasi a operare in proprio, nostra signora del noise è ripartita dal cut up già messo un pratica dal quartetto newyorchese spostando il focus dai feedback degli amplificatori ai loop dei sequencer.

Non per un divertissement alla Stephen Malkums, che si è messo a smanettare su Ableton per togliersi uno sfizio e mettersi alla prova: in "No Home" si percepisce l'urgenza, tra lo spoken word ipnotico di "Cookie Butter" e i disegni di marimba di "Paprika Pony", di ripensare a una precisa identità artistica, che senza voler a tutti i costi tagliare i ponti col passato - si veda, al proposito, la furiosa "Hungry Baby", che nel testo non risparmia esplitici riferimenti al sessimo presente nell'industria musicale - ha assoluta necessità di ridefinire i propri orizzonti per sopravvivere.

"No Home" non avrà dato una risposta a tutte le domande che la Gordon si sarà posta dopo lo scioglimento dei Sonic Youth e il suo ritorno a Los Angeles, ma sicuramente avrà avuto una funzione terapeutica: laddove non è possibile rimettere ordine al caos, l'ex Sonic Youth - il caos - lo affronta a viso aperto e a testa alta. In questo senso, l'ultima traccia del disco - "Get Yr Life Back" - non solo ha un titolo che la dice lunga sullo spirito con il quale è stato concepito "No Home", ma anche un testo e una forma che possono tranquillamente essere presi a compendio della prima prova solista della voce di "Bull in the Heather": "Tutti i giorni, tutti i giorni, tutti i giorni / Sto male  per te / Sto male per me", canta Kim su un inquietante tappeto di drone che - in modo tutto meno che casuale - evita di chiudere il discorso aperto con "Sketch Artist". Chi sperava in un ritorno alla grande della Gorgon sulle scene si aspettava tutto tranne che qualcosa di rassicurante: quindi come non dirsi più che accontentati?

TRACKLIST

01. Sketch Artist (02:51)
02. Air BnB (04:10)
03. Paprika Pony (04:08)
04. Murdered Out (03:34)
05. Don't Play It (04:47)
06. Cookie Butter (06:26)
07. Hungry Baby (03:41)
08. Earthquake (04:18)
09. Get Yr Life Back (05:25)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.