«HALLOWEEN 73 - Frank Zappa» la recensione di Rockol

Così Frank Zappa iniziò a celebrare Halloween

Nella registrazione dei due live all'Auditorium Theater di Chicago di 46 anni fa c'è molto di più che il battesimo del palco dello show che il leader dei Mothers of Invention avrebbe tenuto a New York per i 10 anni successivi...

Recensione del 25 ott 2019

La recensione

Perché, a soli due anni dalla pubblicazione di "Halloween 77: The Palladium, NYC" - o ancora "Halloween" del 2003, selezioni di brani ripresi nel '78 al Palladium di New York - risalire la corrente fino al primo show di quella che il genio di Baltimora aveva sempre definito "la sua festività preferita"? Al di là della particolarità del concerto all'Auditorium Theater di Chicago del 31 ottobre di quarantasei anni fa - il primo della serie che si sarebbe conclusa nel 1984 - "Halloween 73", al netto di eventuali pulsioni completiste, fotografa un momento cruciale in quella che sarebbe stata l'attività dei Mothers of Invention nell'ultima tranche della propria carriera.

Reduce da un tour in Europa Zappa, tornato nell'autunno del '73 in America, decise di rinnovare l'organico del suo gruppo rinunciando al veterano Ian Underwood (fiati e tastiere) e a Jean Luc-Ponty (violino) in favore di Chester Thompson (alla batteria) e Napoleone Murphy Brock (a voce, sax e flauto). A questo punto solo un pazzo avrebbe deciso di mettere nuova carne al fuoco e di farla debuttare dal vivo, e infatti Zappa fece esattamente questo: dopo un mese scarso di prove, il capo catapultò la nuova formazione sul palco, con una scaletta dove le novità non mancavano.

Ecco perché chi ha apprezzato "Over-Nite Sensation" (del '73) e "Apostrophe (')" (dell'anno successivo) in "Halloween 73" ritroverà i prototipi live di "I’m The Slime" e "Cosmik Debris", oltre che a quelli di "Penguin in Bondage" e "Village Of The Sun" (poi pubblicate in "Roxy & Elsewhere"), e "Dickie's Such An Asshole" (uscita su "Broadway The Hard Way" dell''88). E' quel senso di "eccitazione e sfida" della quale parlano Ruth Komanoff Underwood e Ralph Humphrey a emergere, in primis, tra le tracce di "Halloween '73", più che lo spirito giocoso ma al contempo pionieristico che pervade il primo dei concerti per la notte del terrore che il compositore e bandleader avrebbe replicato per il decennio successivo: "Frank non si è mai guardato indietro, ma solo avanti", ricordano i due collaboratori negli appunti pubblicati sul booklet del cofanetto, "I cambi di formazione erano diventati una routine per lui, per esplorare nuove possibilità musicali e combinare diverse personalità. Era evidente, quindi, che Frank aveva bisogno di vivere la sua vita in uno stato di transizione perpetua, una realtà che poteva essere esasperante per noi quanto eccitante. Per quanto snervanti fossero questi cambiamenti costanti, lo sforzo ci ha resi dei musicisti migliori, nonostante inevitabili alti e bassi".

"Transizione perpetua", appunto: "Halloween '73", più che un nuovo aspetto di un artista che sta continuando a farsi scoprire anche a ventisei anni dalla sua scomparsa, restituisce lo spirito artisticamente - ed esteticamente - inquieto che Zappa ha assecondato nel corso di tutta la sua carriera, e che l'ha portato a imporsi come unicum a cavallo tra sperimentazione colta e musica popolare. Sfumando a tal punto il confine tra studio e palco fino a cancellarlo, il leader dei Mothers of Invention è stato capace di disseminare frammenti nel suo genio non solo nelle pubblicazioni istituzionali ma anche in tutte le testimonianze rimaste nel suo sterminato archivio, dal quale il fido Joe Travers - custode ufficiale dello sterminato lascito musicale di Zappa - è stato capace di estrarre questa ennesima gemma.

TRACKLIST

#1
01. "Happy Halloween To Each And Every One Of You" - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (04:35)
02. Pygmy Twylyte - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (03:24)
03. The Idiot Bastard Son - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (02:23)
04. Cheepnis - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (03:27)
05. "Another Assembly Of Items" - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (01:29)
06. The Eric Dolphy Memorial Barbecue - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (01:02)
07. Kung Fu - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (01:32)
08. Penguin In Bondage - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (07:11)
09. T'Mershi Duween - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (01:46)
10. The Dog Breath Variations - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (01:46)
11. Uncle Meat - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (02:24)
12. RDNZL - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (05:54)
13. Village Of The Sun - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (04:13)
14. Echidna's Arf (Of You) - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (04:10)
15. Don't You Ever Wash That Thing? - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (09:53)
16. Montana - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (06:55)

#2
01. Dupree's Paradise - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (19:12)
02. "Almost Up To Date" - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (01:34)
03. Dickie's Such An Asshole - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 1 (10:03)
04. "That Greatest Of American Holidays" - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (04:50)
05. Cosmik Debris - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (06:51)
06. "We're Hurtin' For Tunes" - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (01:04)
07. Pygmy Twylyte - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (03:39)
08. The Idiot Bastard Son - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (02:17)
09. Cheepnis - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (04:18)
10. I'm The Slime - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (04:29)
11. Big Swifty - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (09:36)

#3
01. The History Of The San Clemente Magnetic Deviation - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (01:50)
02. Dickie's Such An Asshole - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (09:59)
03. "Another New Event" - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (00:56)
04. Farther O'Blivion, Pt. 1 - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (09:03)
05. Farther O'Blivion, Pt. 2 - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (10:10)
06. "Pervert's Special Holiday" - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (01:09)
07. Penguin In Bondage - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (07:26)
08. T'Mershi Duween - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (01:45)
09. RDNZL - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (06:06)
10. Inca Roads - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (10:54)
11. Medley - Son Of Mr. Green Genes/King Kong/Chunga's Revenge - Live In Chicago, 10/31/1973, Show 2 (16:22)

#4
01. The Eric Dolphy Memorial Barbecue - Rehearsal, 10/21/1973 (01:05)
02. Penguin In Bondage - Rehearsal, 10/20/1973 (06:45)
03. T'Mershi Duween - Rehearsal, 10/20/1973 (01:45)
04. Dog Breath - Rehearsal, 10/20/1973 (01:28)
05. The Dog Breath Variations - Rehearsal, 10/20/1973 (01:20)
06. Uncle Meat - Rehearsal, 10/20/1973 (02:17)
07. RDNZL - Rehearsal, 10/20/1973 (05:09)
08. Magic Fingers - Rehearsal, 10/21/1973 (04:46)
09. Inca Roads - Rehearsal, 10/20/1973 (14:37)
10. Farther O'Blivion - Rehearsal, 10/21/1973 (17:54)
11. Cosmik Debris - Rehearsal, 10/20/1973 (10:36)
12. Big Swifty - Rehearsal, 10/21/1973 (04:40)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.