«THREADS - Sheryl Crow» la recensione di Rockol

"Threads, l'ultimo album di Sheryl Crow

17 canzoni, di cui 12 inedite, 4 cover, una rilettura di un brano del suo primo disco. E una quantità impressionante di ospiti: ben 24, anche due o tre a brano: da Neil Young a Keith Richards, da James Taylor a St Vincent a Eric Clapton e Sting.

Recensione del 03 set 2019 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

"Gli album stanno morendo. Le persone sono più interessate ai singoli. Ho deciso che quello che uscirà  sarà il mio ultimo album. Poi comincerò a pubblicare solo canzoni". Sheryl Crow ha presentato così il suo undicesimo lavoro di studio, "Threads": 17 canzoni, di cui 12 inedite, 4 cover, una rilettura di un brano del suo primo disco. E una quantità impressionante di ospiti: ben 24, anche due o tre a brano: da Neil Young a Keith Richards, da James Taylor a St Vincent a  Eric Clapton e Sting.

Di "morte dell'album" sentiamo parlare ormai da anni. Certo, c'è una generazione di ascoltatori e di artisti che vive di singole canzoni, non di raccolte omogenee - un meccanismo iniziato dal download e favorito sempre più delle dinamiche di fruizione delle piattaforme streaming. Ma riguarda soprattutto altri generi musicali. Non riguarda il rock:  siamo ancora qua ad ascoltare album, continuano ad essere importanti, soprattutto per artisti "adulti" come Sheryl Crow.  Sulla riuscita degli album - non solo in termini commerciali ma in termini di percezione artistica - si gioca ancora una buona parte dell'andamento delle carriere.

Però su una cosa ha fatto male i calcoli, Sheryl Crow: questo "Thread" sarà anche l'ultimo album, ma non suona come un album. Sembra una sorta di lunga playlist di singoli, più che come una raccolta omogeneo per suono e tematica.

In 17 canzoni, Sheryl Crow esce pure dalla sua "comfort zone": gioca con l'elettronica e con l'indie in "Wouldn't Want to Be Like You", con St. Vincent (coppia improbabile) e pure con il rap, in    "Story of Everything", che vede la presenza di Chuck D,. mitigato dalla più tradizionale presenza di Gary Clark Jr. Ma il meglio è quando rimane nel suo territorio, più vicina al rock classico ("Tell Me When It’s Over", con Chris Stapleton, o la cover di "Everything Is Broken" di Dylan, con Jason Isbell) o al cantautorato: "The worst" con Keith Richards e "Flying Blind" con James Taylor. C'è pure un duetto postumo com Jonny Cash su  "Redemption Day", che venne reincisa e poi pubblicata in "American VI: Ain't No Grave": ma il risultato, possiamo dirlo?, è un po "creepy"...  Il resto vede diversi salti, pur rimanendo nel territorio tipico della cantante, tra il pop-rock e l'"americana", inteso come genere. Ma la presenza di due o tre ospiti a brano cambia radicalmente il risultato da un brano all'altro.

Il problema di "Threads" non è la qualità, ma la quantità: se è davvero l'ultimo album - ma si sospetta che sia una trovata pubblicitaria... -, allora ha fatto le cose in grande, anche troppo. Ci sono talmente portante, in questo pranzo, che alla fine fatichi a gustare le singole portate. "Threads" è un album di grande livello, ma dispersivo. dispersivo

TRACKLIST

01. Prove You Wrong (03:41)
02. Live Wire (05:09)
03. Tell Me When It’s Over (04:56)
04. Story Of Everything (06:22)
05. Beware Of Darkness (03:38)
06. Redemption Day (04:46)
07. Cross Creek Road (04:46)
08. Everything Is Broken (04:32)
09. The Worst (02:38)
10. Lonely Alone (04:37)
11. Border Lord (04:42)
12. Still The Good Old Days (05:17)
13. Wouldn’t Want To Be Like You (03:35)
14. Don't (04:06)
15. Nobody’s Perfect (04:43)
16. Flying Blind (03:41)
17. For The Sake Of Love (03:34)

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.