«HOTEL LAST RESORT - Violent Femmes» la recensione di Rockol

Violent Femmes: check-in all'hotel dell'ultima spiaggia

Nuova fatica in studio per Gano e Richie, che inseguono i fantasmi dei propri anni d'oro.

Recensione del 26 lug 2019

La recensione

di Ugo Maltese

Gordon Gano e Brian Richie, alla fine dei conti, sono sempre una garanzia. Come diceva una famosa pubblicità degli anni Settanta, si possono prendere “a scatola chiusa”. Questo perché anche se il tempo non è affatto galantuomo, nonostante la supposta saggezza popolare gli attribuisca questa virtù, è innegabile che la loro personalità e la loro classe continuino a manifestarsi. Magari con qualche appannamento, con un filo di fatica e qualche palese segnale di stanchezza… tutte faccende fisiologiche, che a una band come questa si possono – anzi si devono – perdonare.

Quindi, per dirla tutta, i Violent Femmes, a diversi decenni dalla loro nascita, sono ancora perfettamente in grado di concepire e registrare un album più che dignitoso. Nessuno urlerà “al miracolo”, ma in queste situazioni la cosa fondamentale è rimanere fedeli alla propria fama, alla legacy lasciata e alla valenza storica del brand. E i nostri due menestrelli punk folk lo fanno senza dubbio alcuno.

Certo, la dichiarazione di Gano secondo cui questo forse è “l’album migliore che abbiamo realizzato dai tempi di ‘Hallowed Ground’” suona un filino azzardata, ma le esigenze di marketing e promozione a volte trascendono il dato reale e piegano l’evidenza a logiche che esulano dal dato oggettivo.

Quindi come suona questo “Hotel Last Resort”? Come un disco dei Violent Femmes che cercano di “rifare i se stessi” della prima metà anni Ottanta. Ci provano davvero tanto e in più di un episodio riescono a rievocare quelle atmosfere – anche se la fantastica magia ragliante da busker punkettoni senza macchia e senza paura di una volta sembra essersi affievolita. Complice (e non in senso buono) una produzione davvero patinata, che non rende giustizia alla rozzezza dell’anima della band.

Il sound è un mix nevrotico di folk, post-punk, jazz, blues, country, improvvisazione, lo-fi e rock‘n’roll classico – peccato, come si accennava, per l’eccessiva pulizia dei suoni, che penalizza l’impatto e rende troppo facilmente digeribili le intemperanze della band. Gli episodi più centrati ci sono l’auto-cover I’m Nothing (l’originale è di un quarto di secolo fa) e la title track, un pezzo epico che vede la collaborazione di Tom Verlaine (chitarra dei leggendari Television). Come si suol dire: “bene ma non benissimo”. Ma noi ci accontentiamo volentieri, in nome dei bei tempi andati.

TRACKLIST

01. Another Chorus (02:38)
02. I Get What I Want (02:30)
03. I'm Nothing (02:26)
04. Adam Was A Man (02:59)
05. Not OK (02:34)
06. Hotel Last Resort (05:12)
07. Everlasting You (02:13)
09. I'm Not Gonna Cry (02:56)
10. This Free Ride (02:14)
11. Paris To Sleep (03:38)
13. God Bless America (04:40)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.