«MENTALITÀ - Dola» la recensione di Rockol

Il cantautorato lisergico di Dola: la recensione di "Mentalità"

Dopo aver provato a sfondare come cantautore già nei primi anni Duemiladieci, Dola aveva riposto la chitarra nell'armadio e si era messo a lavorare prima come backliner e poi come driver per Coez e Giorgio Poi. Ora ci riprova: ecco com'è "Mentalità".

Recensione del 09 apr 2019 a cura di Mattia Marzi

La recensione

Non è semplicissimo raccontare l'album d'esordio di Dola, nuova scommessa di Undamento, la piccola etichetta indipendente di base a Milano che negli ultimi tempi si è segnalata con proposte interessanti come Frah Quintale, Dutch Nazari e Ceri. Se non altro perché Dola - che dopo aver provato a sfondare come cantautore già nei primi anni Duemiladieci aveva riposto la chitarra nell'armadio e si era messo a lavorare prima come backliner e poi come driver per Coez e Giorgio Poi - è forse il più eclettico tra tutti i cantautori di nuova generazione, quelli del giro dell'ItPop per intenderci: troppo rapper per essere considerato un cantautore puro, troppo cantautore per essere considerato un rapper puro. Parlano per lui le sue canzoni, in bilico tra cantautorato lisergico, elettronica e attitudine DIY, do-it-yourself. Dopo i due Ep "SNLRNZ 01" e "SNLRNZ 02", ispirati alle avventure di Dola nel quartiere romano di San Lorenzo, uno dei centri nevralgici - insieme al vicino Pigneto e a Trastevere - della movida della Capitale, arriva questo "Mentalità", nove canzoni che ci aiutano a conoscerlo più da vicino.

La sincerità prima di tutto: a spingerci verso questa recensione è stata "Lil Pump", la canzone scelta da Dola come secondo singolo per anticipare il disco, dopo "Shampoo". È un piccolo gioiellino, una "Albachiara" cantata nello stile di Rino Gaetano - fatevi andare bene questo paragone - e scritta con uno stile di scrittura che usa e fa propri gli strumenti e i contenuti del mondo dell'hip hop, applicati però ad un cantautorato scuro, acustico, incazzato e quasi urlato: "Io poi con gli occhi ti comincio e toccare / e la tua amica che continua a parlare / ma m'è simpatica quindi può restare / Anche a ballare, uoh-oh / con noi Gucci Gang". Vasco e Rino Gaetano, a pensarci bene, rappresentano i due appigli ai quali aggrapparci per non perdere il filo tra le canzoni di "Mentalità": del primo Dola sembra riprendere il modo ironico e anche un po' epico di raccontare la provincia (tra bevute al bar fino a quando non arriva il momento di tirare giù la saracinesca, stagnole che brillano, puttane, biglietti e treni persi), mentre del secondo riprende - oltre al timbro, ruvido e sabbiato - l'attitudine scanzonata e provocatoria.

Se "Mentalità" - scritto e prodotto insieme a MNTL, vero nome Leonardo Milani - fosse stato tutto come "Lil Pump" Dola avrebbe vinto a mani basse. Invece, anche se l'eco dello stile di Vasco (peraltro citato esplicitamente nel testo di "Collare") e di Rino Gaetano aleggia in più di una canzone del disco, nel complesso "Mentalità" è una collisione allucinata di generi e attitudini. C'è la provincia, il disagio di una generazione (quella di chi è nato negli anni '80), la paranoia, un certo romanticismo urban, testi che raccontano di voci impastate, lampioni, risate, pugni chiusi dentro le tasche, sangue che cola dal naso e mostri nascosti sotto al letto: il tutto raccontato spostandosi continuamente tra hip hop ("Maschi", "Sogni"), elettronica ("Shampoo", "Mostri", "Supermercato", quest'ultima prodotta da Ceri) e cantautorato ("Non esco").

Sarà la rivelazione del 2019? Ne riparleremo a fine anno: ma se volete un consiglio, ascoltatelo. Magari tra qualche mese vi vanterete con i vostri amici di averlo scoperto prima di tutti gli altri.

TRACKLIST

01. LIL PUMP (03:26)
02. COLLARE (03:13)
03. MASCHI (03:13)
04. SUPERMERCATO (03:19)
05. FREESTYLE (03:29)
06. SOGNI (03:11)
07. SHAMPOO (03:46)
08. MOSTRI (04:27)
09. NON ESCO (04:04)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.