«BLAZE AWAY - Morcheeba» la recensione di Rockol

La recensione di "Blaze Away" dei Morcheeba

Recensione del 23 ago 2018 a cura di Redazione

La recensione

Dimenticatevi definitivamente le melodie catchy da “Rome Wasn’t Built In A Day”: l’ultima prova di studio dei Morcheeba, “Blaze Away”, non sembra intenzionata a far presa sul gusto più popolare per concentrarsi, invece, su chi ha seguito negli anni il terzetto – ora duo - per l’altra faccia della sua produzione, quella raffinata e poco mainstream che rende interessante il progetto Morcheeba. A cinque anni di distanza dal precedente “Head Up High”, Skye Edwards e Ross Godfrey sono tornati con un disco delicato e ricco di stratificazioni sonore, che conferma la formula che unisce trip-hop, dub, reggae, elettronica e psichedelia tipica dei Morcheeba. Il mood è quello rilassato da musica chillout, con pochissimi momenti – come “Mezcal Dream” e “Sweet L.A.” - a gettare una leggera ombra sulla serendipità dell’album, che profuma, specie grazie ai vocalizzi di Skye, di spazi eterei – “Never Undo” - e d’estate – “It’s Summertime” -, con quest’ultima traccia che potrebbe benissimo essere la versione colta del classico tormentone di stagione. Le buone vibrazioni dominano anche, e forse soprattutto, nei pezzi maggiormente votati al reggae, come la title track con il featuring di Roots Manuva e “Love Dub”, dove tra bei riff di chitarra i Morcheeba diffondono il verbo del “One Love”. Anche per “Paris sur Mer” e “Mezcal Dream” la band ha voluto con sé degli ospiti, rispettivamente i francesi Benjamin Biolay e Amanda Zamolo.

I territori di “Blaze Away” non sono inesplorati per i Morcheeba, che se di qualcosa peccano è di non essersi spinti troppo fuori dalla loro comfort zone. Squadra vincente non si cambia, si dice, e in effetti l’album gira senza sbavature con anche qualche piccolo regalo di facile ascolto - “Find Another Way” ne è un esempio - a chi storce il naso davanti alle acrobazie sonore della band. Una volta ritrovatisi, insomma, anche se sono ormai passati otto anni, Edwards e Godfrey non sembrano volersi discostare dal marchio di fabbrica dei Morcheeba. E finché il risultato è un album come “Blaze Away” non saremo noi a mettere loro fretta.

TRACKLIST

01. Never Undo (03:45)
02. Blaze Away (04:04)
03. Love Dub (03:49)
04. It's Summertime (03:38)
05. Sweet L.A. (02:41)
06. Paris sur Mer (04:33)
07. Find Another Way (03:30)
08. Set Your Sails (03:27)
09. Free of Debris (01:03)
10. Mezcal Dream (04:45)

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.