VERSION 2.0 DELUXE EDITION

Pias (2 x CD)

Voto Rockol: 3.5 / 5

di Claudio Todesco

“Il ritorno di una dea grunge”, titolava la rivista New York, intervistando Shirley Manson un anno fa. La ragazza scozzese che si univa, spaesata e un poco intimorita, alla band del superproduttore Butch Vig è diventata una dea, o qualcosa di simile. È una questione di cicli. La generazione che prendeva in giro chi mitizzava la musica dei formidabili anni ’60 è adesso oggetto di una grande operazione nostalgia che prevede reunion, tour, celebrazioni di anniversari e ristampe. Come quella di “Version 2.0”, che col disco di debutto rappresenta il momento di maggior successo dei Garbage o, come dice la cantante, l’album per antonomasia del gruppo. È un pezzo di giovinezza di tanta gente. È il reperto di un’epoca d’oro della discografia, quando la gente usciva di casa per comprare dischi, a milioni. Volendo, è anche il simbolo di un passaggio epocale: ci si metteva alle spalle le produzioni analogiche e si abbracciava la cultura digitale.

Come ci ha raccontato Shirley Manson, “Version 2.0” è un dei primi dischi ad essere stati incisi interamente con Pro-Tools. L’entusiasmo per la nuova tecnologia spinse Butch Vig a riempire le canzoni di tracce, a quanto pare anche duecento. Intanto il gruppo perfezionava una formula sonora a metà strada fra pop elettronico e rock alternativo – in fondo Vig era famoso per avere prodotto Nirvana, Smashing Pumpkins, Sonic Youth. Vennero fuori canzoni ammiccanti e al tempo stesso cupe, canticchiabili e un po’ malate, in equilibrio fra un passato prossimo in cui si cantava il malessere con muri di chitarre e un futuro a base di poptimism, al netto del senso di distanza post moderna qui completamente assente.

Che ci crediate o meno, all’epoca esisteva già Pitchfork, e da alcuni anni. Un giornalista scrisse che “creare un album dei Garbage è come creare un blockbuster hollywoodiano” ed effettivamente molti furono travolti dalla produzione di “Version 2.0”. Era facile amarlo per il canto sinistro e ammaliante di Manson, per l’impatto magniloquente, per le melodie facili. Riascoltate vent’anni dopo, queste canzoni non sembrano però invecchiate benissimo, soprattutto per quanto riguarda i suoni che oggi sembrano privi di fascino e profondità emotiva. Ci sono dischi che suonano come classici senza tempo anche dopo decenni. Altri denunciano la propria età. “Version 2.0” appartiene alla seconda categoria.

La ristampa aggiunge alle 12 canzoni contenute nell’album del 1998, qui in versione rimasterizzata, un secondo CD con altri 10 pezzi pubblicati all’epoca, quando usava riempire di inediti i CD singoli e i pochi 45 giri che ancora si vendevano. Si va dalla cover di “Can’t seem to make you mine” dei Seeds di Sky Saxon con effetto tremolante della voce a quella di “Thirteen” dei Big Star passando per la versione acustica di “Medication” usata per lanciare la ristampa. Le altre sono composizioni autografe, non grandi canzoni, giusto qualche piccola sorpresa per il tono di alcune incisioni in cui il gruppo si permetteva d’essere più rilassato e colloquiale o persino umoristico come in “Get busy with the fizzy” e nello scherzo dance “Tornado”. C’è anche “Lick the pavement”, un rock chiassoso con un ponte che fa “Do-do-do-do-do-do” e un testo su un amore clandestino. Pare che lui voglia lasciare la moglie, ma Manson pare maggiormente interessata a vederlo leccare il pavimento. “Mi piaci di più quando sei in ginocchio”.

TRACKLIST
CD 1
Temptation Waits
I Think I'm Paranoid
When I Grow Up
Medication
Special
Hammering in My Head
Push It
The Trick Is to Keep Breathing
Dumb
Sleep Together
Wicked Ways
You Look So Fine

CD 2
Can't Seem To Make You Mine
13x Forever
Deadwood
Get Busy With The Fizzy
Soldier Through This
Thirteen
Lick The Pavement
Medication (Acoustic)
Tornado
Afterglow

TRACKLIST

01. Temptation Waits - (04:36)
02. I Think I'm Paranoid - (03:38)
03. When I Grow Up - (03:24)
04. Medication - (04:08)
05. Special - (03:43)
06. Hammering in My Head - (04:52)
07. Push It - (04:02)
08. The Trick Is to Keep Breathing - (04:11)
09. Dumb - (03:50)
10. Sleep Together - (04:03)
11. Wicked Ways - (03:43)
12. You Look So Fine - (05:22)
13. Can't Seem To Make You Mine - (02:54)
14. 13x Forever - (03:54)
15. Deadwood - (04:21)
16. Get Busy With The Fizzy - (02:55)
17. Soldier Through This - (03:48)
18. Thirteen - (03:30)
19. Lick The Pavement - (02:42)
20. Medication - Acoustic - (04:10)
21. Tornado - (03:42)
22. Afterglow - (02:30)