THE '59 SOUND SESSIONS

Rude Records (CD)

Voto Rockol: 3.5 / 5

di Gianni Sibilla

Il 19 agosto del 2008 una poco conosciuta band del New Jersey pubblicava un bel disco di rock "classico", zeppo di riferimenti e citazioni, e con un'urgenza che sembrava arrivare dal punk. A fine 2008  era nelle classifiche della stampa e ,eno di un anno dopo, la band si ritrovava a cantare di fronte a quasi centomila persone, ad Hyde Park prime a Glastonbury, assieme a Bruce Springsteen.

La band sono i Gaslight Anthem di Brian Fallon, e il disco è il loro secondo album in studio, “The ’59 Sound”.  10 anni dopo, rimane un gioiello, che unisce il Boss, i Pearl Jam, i Ramones, con testi che citano Springsteen ("Meet by the river's edge" è un omaggio in cui si fatica a contare le citazioni), Tom Petty, i Counting Crows, Miles Davis e chissà quanti altri. Ma testi che, soprattutto raccontano la difficolta di crescere, di trovare il proprio posto nel mondo. Era un disco di "classic rock" già alla sua uscita: in quel periodo era difficle citare Springsteen ed essere "indie": in quel mondo il Boss era fuori moda e venne sdoganato anche grazie ai Gaslight Anthem. Ed un classico anche oggi. 

La favola dei Gaslight Anthem non è proseguita bene: i dischi successivi hanno faticato a ripetere la magia di quel disco: buoni ma non buonissimi, e il passaggio ad una major non ha prodotto grandi risultati. Brian Fallon ha avviato una carriera solista, mettendo in pausa a tempo indeterminato il gruppo tre anni fa, dopo “Get Hurt”.

Ma ormai gli anniversari si celebrano presto, e la band si è ritrovata per i dieci anni di “The ’59 Sound”, con un mini tour, e questo disco. Che non è una ristampa espansa, come si usa. Ma un "companion": 9 brani estratti dalle sessioni, sei demo e tre inediti, tra cui la cover di "God's Gonna Cut You Down" di Johnny Cash. Nulla per cui strapparsi i capelli, ma l'occasione per riscorprire un capolavoro del genere. La cosa più bella di questa pubblicazione è il libretto, che con molte foto racconta la voglia di emergere e la vita di una band di poco più che ventenni, nel momento in cui hanno qualcosa da dire, e nel momento in cui cambia loro la vita.

Speriamo che i Gaslight Anthem ritornino davvero, e che ritornino con l'urgenza, la carica di quei giorni. Intanto, questo è un bel modo per inngannare l'attesa

 

TRACKLIST

01. The '59 Sound - (03:07)
02. God's Gonna Cut You Down - (02:43)
03. Patient Ferris Wheel - (03:25)
04. Miles Davis & The Cool - (03:58)
05. Placeholder - (03:12)
06. High Lonesome - (02:51)
07. Great Expectations - (02:41)
08. Our Father's Sons - (04:25)
09. Film Noir - (03:23)