«FRAGILE - Fiorella Mannoia» la recensione di Rockol

Fiorella and friends: alla riscoperta di un bel disco della cantante romana

Fiorella Mannoia è alle soglie dei cinquanta anni e di un nuovo millennio: “Fragile” è un appuntamento immancabile, perché è uno scrigno di ritrovamenti, di riscoperte, e di nuove pietre preziose che brillano di musica e parole.

Recensione del 13 ott 2017

La recensione

Rockol, in collaborazione con Legacy, propone periodicamente recensioni di dischi storici o o del passato recente, comunque da riscoprire.

Nel 2001, anno in cui viene pubblicato “Fragile”, Fiorella Mannoia è alle soglie dei cinquanta anni e di un nuovo millennio: “Fragile” è un appuntamento immancabile, perché è uno scrigno di ritrovamenti, di riscoperte, e di nuove pietre preziose che brillano di musica e parole. Accanto alla Mannoia ci sono gli amici di sempre: Piero Fabrizi, arrangiatore, musicista, compagno di una lunga parte di vita, Ivano Fossati, ispiratore a sua volta ispirato, e ai suoi si aggiungono brani di autori eccellenti come Paolo Conte, Francesco De Gregori, Fabrizio De André. Gli strumenti sono nelle mani di musicisti pregevoli: Tony Levin al basso, Lele Melotti alla batteria, Danilo Rea al pianoforte, Rosario Jermano alle percussioni; gli archi scritti da Fio Zanotti sono affidati alla London Session Orchestra.

I brani sono scelti con cura e attenzione, a comporre un disegno, un discorso: come “Fragile”, che apre l’album, scandito dalla chitarra elettrica di Piero Fabrizi. Nel testo la paura della solitudine, i ricordi che spingono in un angolo, la rabbia con cui convivere ogni santo giorno, la mancanza d’amore come mancanza di forza e di luce.
“Occhi neri”, adagiata su una nostalgica melodia impreziosita dalla bella partitura degli archi, conquista al primo ascolto. 
È firmata da Ivano Fossati “Fotogramma”, un colpo allo stomaco, immagini potenti, selvagge e vivide. Il fraseggio serrato, tipico della produzione del cantautore genovese, sottolineato dai tasti di Danilo Rea, è un ritratto di uomini, animali e dei, stretti in un unico significato.
Una sontuosa introduzione d’archi e parte “Come mi vuoi” di Paolo Conte con i suoi indimenticabili ritratti immersi in atmosfere oblique di “incantesimi spari e petardi”.
“L’assenza”, cullata dalla chitarra acustica, è un viaggio alla ricerca di “un cuore dove attraccare”, un posto a cui appartenere. L’oboe è affidato a Mario Arcari.
“L’uccisione di Babbo Natale “ è cantata in duetto proprio con Francesco De Gregori, che pubblicò il brano nel suo “Bufalo Bill” nel 1976: Il racconto si snoda su una melodia ripetitiva e senza ritornello, è più importante il fluire delle immagini di Dolly e del suo amico che uccidono Babbo Natale, forse ancora una volta simbolo della società occidentale ingannevolmente ritratta come ridente e perfetta.

È sempre bello riascoltare “Il pescatore” di Fabrizio De André; la Mannoia ne da’ una lettura asciutta, forte, umana e densa di partecipazione. “L’altra metà (notte di guerra in Europa)” è intensa e notturna: sensazione di spaesamento, debolezza, eppure c’è spazio per un respiro, per allungare una mano, per cercare un nuovo equilibrio. “L’uomo di polvere” di Piero Fabrizi chiude un disco che a distanza di anni resta ricco di sensazioni, vivo, emozionante.

TRACKLIST

01. Fragile (05:59)
02. Occhi Neri (03:30)
04. Come Mi Vuoi? (03:36)
05. L'Assenza (04:43)
07. Il Pescatore (05:18)
09. L'Uomo Di Polvere (05:40)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.