Recensioni / 24 giu 2017

SZA - CTRL - la recensione

SZA: giovane interprete nu-soul con gran CTRL musicale

SZA è un nome di cui probabilmente sentiremo parlare nei prossimi mesi. 27enne di St. Louis, con una forza e un'intensità interpretativa rara da trovare, un mix tra Amy Winehouse, Billie Holiday e Rihanna.

Voto Rockol: 4.0/5
Recensione di Michele Boroni
CTRL
SZA
Top Dawg Entertainment, under exclusive license to (Digital Media)

Avevamo segnalato SZA fin dal suo esordio del suo 2014 pubblicato dai tipi della Top Dawg Entertainement, gli stessi che avevano scoperto Kendrick Lamar e Schoolboy Q. Ci aveva incuriosito il neo soul evoluto di questa ragazza nata a St. Louis, Missouri ma cresciuta nel New Jersey (Solána Imani Rowe è il suo vero nome), forte di una cultura musicale jazz ma cresciuta con una decisa hip-hop attitude e in cerca di una sua unicità.

Ci sono voluti tre anni per far uscire questo CTRL, che in molti considerano il suo esordio ufficiale e “Z” solo un mixtape – sicuramente lo è con una major.

Da un punto di vista dei testi le canzoni sono una collezione di quadri e situazioni profondamente personali: raccolti di infedeltà, disavventure sentimentali dolorose, problemi di autostima, amplificate dall'incapacità di assumersi il controllo della propria vita sempre più saturata dall'uso dei social (qui il significato di CTRL come il tasto della tastiera).

“I get so lonely / I forget what I'm worth / We get so lonely / we pretend that this works” canta in “Drew Barrymore”, uno delle tracce più belle del disco dove SZA vince su più registri vocali, e il pensiero non può non andare a Amy Winehouse o alle grandi jazz singer del passato come Billie Holiday e Dinah Washington . “The Weekend” e “Broken clocks” sono ballad superlativa, e l'ultima ricorda nell'intro “Needed me” di Rihanna (con cui ha collaborato nel suo ANTI). “Prom” si muove su territori indie-pop mentre “Pretty little birds” vira decisamente su scenari musicali più jazzy.

Alla cabina di regia una decina di produttori poco conosciuti, tra cui il multi-strumentista Carter Lang, Antydote e Bekon, che si sono fatti le ossa con Kendrick Lamar per creare qui un tappeto musicale ben suonato con elementi di r&b, hip-hop, neo-soul e indie pop-rock; si sente però che SZA, malgrado non sia capace di controllare la sua vita sentimentale, è molto abile a gestire il tutto. Anche le varie featuring - Travis $cott, Isaiah Rashad e lo stesso Lamar che in “Doves in the Wind” si lancia in un inno al “pussy power” - sono tutte al servizio della 27enne di St. Louis.

“CTRL” è l'ennesimo eccellente lavoro di sintesi che ci arriva dai collettivi hip-hop che si stanno dimostrando sempre più dei laboratori creativi del pop prossimo venturo, con la voglia di contaminare linguaggi e generi musicali.  

TRACKLIST

01. Supermodel - (03:01)
02. Love Galore - (04:35)
03. Doves In The Wind - (04:26)
04. Drew Barrymore - (03:51)
05. Prom - (03:16)
06. The Weekend - (04:32)
07. Go Gina - (02:41)
08. Garden (Say It Like Dat) - (03:28)
09. Broken Clocks - (03:51)
10. Anything - (02:29)
11. Wavy (Interlude) - (01:15)
12. Normal Girl - (04:13)
13. Pretty Little Birds - (04:05)
14. 20 Something - (03:18)