«SOMETHING ELSE - Cranberries» la recensione di Rockol

I Cranberries provano a risollevarsi con un disco di rielaborazioni orchestrali: ma funziona?

“Something else” è un’operazione ben architettata per risollevare una carriera in difficoltà, dopo la parentesi solista di Dolores O'Riordan, la reunion di qualche anno fa che non ha dato frutti sperati e un disco passato più o meno inosservato.

Recensione del 29 apr 2017 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Diciamolo subito: i dischi e le rielaborazioni orchestrali hanno rotto. Hanno una lunga storia, e sono un genere un po’ abusato. Spesso usare gli archi per reincidere o riproporre dal vivo belle canzoni, le rende stucchevoli. Soprattutto nel pop-rock - meno nel metal e nell’hard rock, dove pure si è abusato dell’espediente, anche se in altro modo.
Ma ecco un’eccezione che conferma la regola: se c’è un gruppo con cui le rielaborazioni orchestralo funzionano sono i Cranberries.

“Something else” è palesemente un’operazione ben architettata per risollevare una carriera in difficoltà: il percorso solista di Dolores O’ Riordan non è mai decollato, la reunion di qualche anno fa non ha dato i frutti sperati, e “Roses” del 2012 non se lo ricorda nessuno. Ecco allora un tour+disco con i successi, ma in versione diversa, per riallacciare il rapporto con il pubblico. 

Non c’è nulla di male in questo, sia chiaro: basta che sia fatto bene. E in questo caso, almeno la parte discografica funziona alla perfezione. “Something else” contiene 13 brani, di cui 3 inediti: “The glory”, “Rupture” e “Why” sono piacevoli e in linea con la produzione del gruppo. Melodia semplice, testo non particolarmente profondo, voce stupenda e arrangiamento diretto, a cui si aggiungono appunto gli archi. Che in tutto il disco sono arrangiati bene, in maniera mai invadente, a sottolineare le melodie, ma a soverchiarle. 

L’operazione è naturale in canzoni come “Not my imagination” e “Linger” già molto melodiche e portate al trattamento. Ma anche in “Zombie”, gli archi si integrano con la chitarra acustica, dando un tono drammatico coerente con il brano, e una cosa simile capita con il pop più uptempo di “Free to decide”, dove gli archi intervengono invece a dare più leggerezza alla melodia.

Insomma: “Something else” è un disco piacevole, che propone un grande repertorio, in nuova versione, senza stravolgerlo, ma dandogli una buona rinfrescata. Un bel biglietto da visita per il tour in arrivo.

TRACKLIST

01. Linger - Acoustic Version (04:55)
02. The Glory (05:14)
03. Dreams - Acoustic Version (04:24)
04. When You're Gone - Acoustic Version (04:10)
05. Zombie - Acoustic Version (04:01)
06. Ridiculous Thoughts - Acoustic Version (03:07)
07. Rupture (04:16)
08. Ode to My Family - Acoustic Version (04:43)
09. Free to Decide - Acoustic Version (03:17)
10. Just My Imagination - Acoustic Version (04:02)
11. Animal Instinct - Acoustic Version (03:39)
12. You & Me - Acoustic Version (03:33)
13. Why (05:01)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.