«THINGS I'VE NEVER SAID - Frances» la recensione di Rockol

Capelli rossi, occhi azzurri, lentiggini, faccino paffutello e una voce incantevole: ecco Frances

Anche se è cresciuta ascoltando Radiohead e Coldplay, anche se è una fan di Justin Bieber, anche se come punti di riferimento cita Kate Bush e Joni Mitchell, Frances è essenzialmente una brava cantante soul. E il suo disco d'esordio ne è la prova.

Recensione del 29 mar 2017 a cura di Mattia Marzi

La recensione

Capelli rossi, occhi azzurri, lentiggini e faccino paffutello: il biglietto da visita di Frances è la copertina del suo album d'esordio, "Things I've never said", che ce la presenta esteticamente come una fusione tra Adele, Jess Glynne e Alison Moyet (che per chi non la conoscesse è stata un po' la Adele degli anni '80, musicalmente parlando - oggi continua a fare dischi, ma non ha più il successo di una volta). E non è solo nell'aspetto fisico che Sophie Frances Cooke - classe 1993, originaria di Oxford - ricorda le sue tre colleghe: anche i primi singoli estratti dal disco ce la presentano come una cantante che si pone in perfetta continuità con la tradizione delle voci soul e r&b britanniche.

Il disco arriva dopo un paio di EP e dopo riconoscimenti importanti come le nomination nella categoria Brits Critics' Choice ai Brit Award (il premio che viene assegnato al miglior artista britannico esordiente) e al BBC Sound of 2016 (il sondaggio della BBC per individuare i nuovi nomi della musica britannica, premio vinto in passato da Adele, Ellie Gouldin e Sam Smith) - per la cronaca: entrambi i premi sono andati a Jack Garratt.

 

In cabina di produzione si sono alternati diversi produttori: da Greg Kurstin (già braccio destro della stessa Adele e di Beck, ora al lavoro sul nuovo album di Paul McCartney), Jimmy Napes (Sam Smith, Alicia Keys) e Howard Lawrence dei Disclosure. Tutti produttori con un'identità sonora e musicale ben precisa, ma la cui mano - qui - si sente pochissimo: Kurstin ha affiancato Frances nella scrittura e nella produzione di una sola traccia del disco, "Say it again", quella più "adelosa" (o "adeliana", se preferite); Jimmy Napes, che compare giusto in "Cloud 9" come autore. A fare da collante, Stephen Fitzmaurice, irlandese, già collaboratore di Alicia Keys, Paola Faith, Seal e Sam Smith che ha dato al disco un suono omogeneo e un orientamento sonoro ben preciso: soul bianco, appunto. Tutto il disco suona più o meno così: da "Don't worry about me" (che è in realtà una bella ballata gospel) a "The last word", passando per "Love me again" e "Grow".

Quando Frances prova ad uscire fuori dai territori del soul e della musica r&b sembra camminare in maniera goffa, inciampa: "Let it out" e "No matter", i pezzi più elettronici, sono sono i migliori del disco. Perché anche se è cresciuta ascoltando band come i Radiohead e i Coldplay, anche se è una fan di Justin Bieber (ps: qui potete ascoltare una bella cover di "What do you mean?!"), anche se come punti di riferimento cita cantautrici come Kate Bush e Joni Mitchell, Frances è essenzialmente una cantante soul. Una brava cantante soul.

TRACKLIST

02. Love Me Again (02:47)
03. Drifting (03:41)
04. Cloud 9 (03:27)
05. Let It Out (03:52)
06. No Matter (03:28)
07. Under Our Feet (04:52)
08. Grow (03:59)
09. Say It Again (03:17)
10. Sublime (04:11)
11. The Last Word (03:27)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.