«SALUTATIONS - Conor Oberst» la recensione di Rockol

Conor Oberst e "Salutations": la recensione

Un disco capolavoro, che riarrangia il precedente "Ruminations" con una band guidata dal leggendario Jim Keltner: musica americana al suo meglio

Recensione del 16 mar 2017 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Quando succede, di solito va al contrario. Un artista pubblica un disco, e poi pubblica delle versioni acustiche dei brani. Qualche volta, capita anche che ripubblichi tutto il disco in versione minimale, magari come bonus o versione separata.

Ma Conor Oberst non è un artista normale. È uno dei migliori autori americani dell'ultima generazione, ma i suoi percorsi sono spesso tortuosi, tra Bright Eyes, Mystic Valley Band, Desaparecidos, Monsters of Folk.

L'accoppiata "Ruminations"-"Salutations" è forse uno dei punti più alti della sua carriera, ma non è stato un percorso semplice, neanche questo. "Ruminations" è stato il suo "Nebraska", inciso da solo, in inverno, a casa ad Omaha (Nebraska, appunto), dopo un periodo diffilcile. Un disco musicalmente scarno, poco più che acustico. Una sorta di seduta di psicanalisi in musica.

Pochi mesi e arriva "Salutations", che riprende il progetto originale dell'album, reincidendo le 10 canzoni con una band, con l'aggiunta di altre sette. E, il risultato, se possibile, è ancora meglio: siamo a marzo, e l'anno ci ha già regalato un mezzo capolavoro al mese di Americana: prima Mark Eitzel, poi Ryan Adams, ora questo disco.

L'album è stato inciso con i Felice Brothers come band, e con Jim Keltner come co-produttore. Quest'ultimo, per chi non lo conoscesse, è una leggenda. Da batterista ha suonato con i Maestri, dagli anni '70: era con Joe Cocker e Leon Russell in "Mad dogs & englishmen", ha suonato con tutti i Beatles (tranne McCartney), con Dylan, è l'uomo di fiducia di  Ry Cooder e con John Hiatt era  in quel capolavoro di "Bring the family".

L'insieme Oberst-Keltner-Felice Brothers, e l'aiuto di amici come Jim James (My Morning Jacket), Gillian Welch, Jonathan Wilson, rendono musicalmente "Salutations" una sorta di paradiso del suono americano, in cui si ritrovano - e nel miglior modo possibile - tutti i suoni che potete immagibare. Le chitarre acustiche, le elettriche, piano, organo, pure qualche accenno di folk (i violini e e le fisa che aprono il disco in "Too late to fixate" sono puro Dylan anni '70).

E poi ci sono le canzoni. La scrittura è perfetta: personale, introspettiva, ma mai banale e capace di regalare squarci illuminanti. "Yeah I met Lou Reed and Patti Smith/It didn’t make me feel different/I guess I lost all my innocence/Way too long ago", canta in "Next of kin" e c'è tutto un mondo in questo passaggio -  e seppure la versione è molto simile a quella di "Ruminations", ma l'aggiunta della batteria di Keltner rendono tutto ancora più drammatico ed intenso. Un gioello dopo l'altro, in cui è davvero difficile scegliere un brano. "Till St. Dymphna Kicks Us Out", "A little uncanny", "Salutations", fate voi.

Lo forza di Dylan e di tutto il meglio del cantautorato rock americano scorre potente in queste 17 canzoni, abitando in una personalità artistica enorme, che con questo disco ha raggiunto il suo apice.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.