«MAINSTREAM + - Calcutta» la recensione di Rockol

Il fenomeno Calcutta e la fine della musica italiana: la recensione di 'Mainstream +'

"Mainstream" taglia il traguardo della terza riedizione in poco più di un anno: il disco di Calcutta torna nei negozi sotto forma di cofanetto che contiene, oltre al disco originale, anche un disco dal vivo e un cd con le demo delle canzoni.

Recensione del 28 feb 2017 a cura di Mattia Marzi

La recensione

Calcutta è una contraddizione. Viene da un background indie (ascoltate il primo disco "Forse..." e l'EP "The sabaudian tapes") ma intitola un album "Mainstream". Affida una sua canzone agli hitmaker del pop italiano di oggi, Takagi & Ketra, ma poi la misconosce, dice che non gli piace: e quando quella canzone ottiene il disco d'oro, Calcutta lo appende alla parete del cesso di casa sua ("Palmarès", recita la didascalia della foto pubblicata su Instagram). Ma è anche grazie a quella canzone, "Oroscopo", che il cantautore di Latina è riuscito a farsi conoscere dal pubblico, quella che lo ha lanciato verso il successo "mainstream". Quella che se scrivi "Calcutta" nella barra degli indirizzi, Google ti suggerisce subito "Calcutta Oroscopo". Ora, sulla scia del disco d'oro di "Oroscopo" e di "Cosa mi manchi a fare" (l'altra hit di Calcutta), esce la riedizione della riedizione di "Mainstream". Riedizione della riedizione significa che questo disco torna nei negozi per la terza volta nel giro di poco più di un anno.

"Mainstream", infatti, è uscito per la prima volta nell'autunno del 2015, nell'indifferenza generale sia del pubblico che degli addetti ai lavori (inizialmente ne hanno scritto solo pochi siti specializzati di indie rock), poco prima che una delle radio italiane più ascoltate - una radio "mainstream" - passasse la sua "Cosa mi manchi a fare", facendo così scoppiare il "fenomeno Calcutta". Qualche mese dopo è arrivata quella "Oroscopo": bisognava battere il ferro finché caldo e così, nel giugno del 2016, Sony Music ha distiribuito una riedizione di "Mainstream" (curiosamente, "Oroscopo" è stata inserita alla fine del disco, come ghost track, e non compare nella tracklist - Calcutta è davvero una contraddizione). Il tour di supporto all'album ha tenuto impegnato Edoardo D'Erme - questo il vero nome del cantautore - per tutto il 2016 e con le date della branca invernale Calcutta ha tagliato il traguardo dei 100 concerti: la tournée ha chiuso a metà dicembre con una doppietta ospitata dall'Atlantico di Roma, una festa finale (c'eravamo anche noi).

"Il ferro è ancora caldo, si può continuare a battere", si sono detti Calcutta e il suo team. Sì, ma come? Con un disco che a livello di forma non rientra proprio nei canoni del disco "indie": un cofanetto, intitolato "Mainstream +", che chi scrive lo ha comprato e lo ha pagato 21 euro (chissà qual è stata la reazione dei puristi indie che quando è uscito per la prima volta "Mainstream" attaccarono Calcutta sui social perché il disco costava 12 euro anziché i canonici 10 euro da artista indipendente...). Nel cofanetto c'è la versione deluxe di "Mainstream" (quella uscita a giugno), un disco dal vivo con la registrazione dei concerti romani di dicembre, un disco con le demo di alcune delle canzoni dell'album e un poster.

La parte più interessante di "Mainstream +" è rappresentata proprio dal disco di demo: ascoltandolo, si ha come l'impressione di assistere alla proiezione di una pellicola su cui sono stati impressi alcuni dei momenti migliori delle lavorazioni del disco di Calcutta, un "best of". Ci sono le versioni chitarristiche di "Gaetano", "Milano" e "Limonata", la versione "grezza" di "Cosa mi manchi a fare" una versione piano e voce di "Del verde", eseguita insieme a Niccolò Contessa dei Cani, che ha collaborato con Calcutta alla produzione del disco. Peccato non ci sia la versione demo di "Oroscopo": sarebbe stato interessante poterla ascoltare prima del tocco magico di Takagi & Ketra. E sarebbe stato interessante poter ascoltare anche le demo delle canzoni che Calcutta ha scritto per l'album di J-Ax e Fedez, "Milano intorno" e "Allergia". Ma that's all, questo è quanto.

Il disco dal vivo contiene invece tutte le tracce di "Mainstream" in versione live, ad eccezione di "Albero" e degli intermezzi strumentali. La scaletta del disco non riproduce fedelmente quella dei concerti romani: sono stati fatti alcuni tagli, per cui nell'album dal vivo non troviamo pezzi del periodo "pre-Mainstream" come "Fari", "I dinosauri", "Benedetta", "Senza asciugamano", "Il tempo che resta", "Mi piace andare al mare". Quelle canzoni fanno parte dell'EP "The sabaudian tape" e del primo disco di Calcutta, "Forse...": probabilmente, Calcutta ha ritenuto giusto non re-inserirle in questo cofanetto, lasciandole nelle mani dei pochi fan che custodiscono quei dischi ormai introvabili. In compenso, ci sono cinque brani non contenuti in "Mainstream": "Cane", "Arbre magique", "Natalios", "Pomezia" e "Amarena". Il suono delle registrazioni dal vivo è grezzo, crudo: la voce di Calcutta rimane quasi in secondo piano rispetto agli strumenti e non sembrano essere stati fatti grandi ritocchi successivi alle tracce.

Il "fenomeno Calcutta" è stato emblematico: il cantautore di Latina, più di altri suoi colleghi, ha dimostrato che i confini tra "mainstream" e "underground", tra "pop" e "indie", oggi non esistono più. E se esistono, non sono più muri difficili da scavalcare (e che nessuno vuole scavalcare): quei muri li hanno buttati giù, armati di picconi e martelli, Manuel Agnelli che va a fare il giudice a X Factor e che manda letteralmente affanculo l'"indie-alternative", i vari Thegiornalisti, Levante, Zen Circus, Brunori Sas, Ex-Otago, I Cani che scalano le classifiche e che vengono passati dalle radio "mainstream". Alla fine del disco dal vivo, dopo aver eseguito "Oroscopo", Calcutta dice una cosa emblematica: "Questo pezzo è la fine del nostro tour, è la fine di tutto. Ed è anche la fine della musica italiana".

TRACKLIST

#1
01. Gaetano (04:02)
03. Intermezzo 2 (01:10)
04. Milano (04:02)
05. Limonata (02:13)
06. Frosinone (03:09)
07. Intermezzo 1 (00:38)
08. Del verde (03:48)
09. Dal verme (03:24)
10. Le barche (02:00)
11. Albero (02:24)

#2
01. Limonata - Live (03:22)
02. Frosinone - Live (03:10)
03. Cane - Live (02:44)
04. Milano - Live (05:00)
05. Gaetano - Live (04:00)
06. Le barche - Live (02:00)
07. Del verde - Live (03:43)
09. Pomezia + Amarena - Live (05:09)
10. Natalios - Live (04:07)
11. Oroscopo - Live (04:02)

#3

#4
01. Oroscopo (03:18)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.