«PAINLESS - Swomi» la recensione di Rockol

Swomi: leggi qui la recensione del nuovo "Painless"

Primo EP del duo bresciano Swomi, al secolo Matteo e Francesco, completamente autoprodotto, ideato e registrato dagli Swomi nel loro studio di Brescia.

Recensione del 28 feb 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

C’è stato un periodo in cui l’indie rock era necessariamente legato alle chitarre; formalmente non c’era via di scampo... o così o niente. Oggi, per fortuna, le cose son cambiate e la maggiore predisposizione (anche in termini di ascolto, tutto meno ortodosso) ad una contaminazione libera dei generi ha permesso alle nuove band di uscire dai quei confini che per tanto tempo hanno giocato un ruolo determinante soprattutto nella musica indipendente, e sperimentare di più e meglio. Ecco quindi che gli Swomi possono tranquillamente rientrare nel giro del nuovo indie rock, confezionato però a suon di sintetizzatori. 

Gli Swomi sono un duo bresciano attivo dal 2014. Matteo Bassi e Francesco Bortolini hanno iniziato a collaborare tre anni fa, ma solo a febbraio di quest’anno sono usciti con il primo EP. EP che s’intitola “Painless” e mette sul piatto cinque pezzi fondati di base su melodie solide, semplici nel senso più nobile possibile, che si rifanno concettualmente tanto a Beck (“Jelly beans”) quanto agli Strokes (“Gun”) ma, appunto, più elettronici. Un connubio che forse, dopo la prima tornata di ascolti, trova riscontri anche con un certo tipo di pop anglosassone e che, in generale, arriva bene in cuffia dall’inizio alla fine. 

E non è male come cosa, visto che gli Swomi (il nome è una storpiatura di suomi, cioè come i finlandesi dicono finlandese) hanno registrato tutto in casa con la stessa attrezzatura che si portano sul palco, questo per poter proporre sempre un suono coerente, in studio e dal vivo. Una scelta azzeccata, che condivido concettualmente e penso possa pagare in termini d’impatto live, situazione in cui gli Swomi potranno aggiungere quel qualcosa in più che potrebbe fare la differenza; a tutto questo va anche aggiunto il buon lavoro fatto a monte in termini di produzione da parte di Giovanni “Mulai” Bruni Zani e il gioco è fatto.

Cinque bei pezzi. Promossi. 

TRACKLIST

01. Gun
02. A_line
03. New way
04. Peach
05. Jelly beans
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.