«THE SEARCH FOR EVERYTHING - WAVE TWO - John Mayer» la recensione di Rockol

La seconda ondata di John Mayer, con il suo secondo EP

Continua il work in progress del cantante e chitarrista: 4 nuove canzoni, che confermano il ritorno al pop-rock. La recensione

Recensione del 25 feb 2017 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Se fosse una serie TV, sarebbe "John Mayer, s07e02". La settima stagione, pardon il settimo album di studio di John Mayer ha preso una piega seriale, ad episodi. Si intitola "The search for everything", e questa è la "wave two", il secondo episodio, dopo quello pubblicato esattamente un mese fa, che aveva segnato il suo ritorno da solista dopo l'esperienza con i Dead & Company, ovvero quel che resta dei Grateful Dead.

Anche questa "Wave two" conferma almeno la direzione intrapresa dalle 4 canzoni pubblicate un mese fa,  un ritorno al pop rock che lo rese una star ad inizio degli anni zero. Il tutto mitigato da un paio di episodi che richiiamano i suoni "roots" di "Born and raised" (2012) e "Paradise valley" (2013).

Anche la  "wave two" è composta da quattro canzoni. Due sono appunto "Mayer delle origini": "Still feel like you man" è un delicato (e un po' mieloso) funky-soul che ammicca al Marvin Gaye più sensuale, con l'inconfondibile tocco di chitarra. "Helpless" è un rock un po' funky con la chitarra di Mayer divisa tra il sound dei suoi primi dischi e un omaggio ad uno dei suoi maestri, Eric Clapton. "Emoji of a wave" riporta invecece alle atmosfere country rock degli ultimi due album, con una melodia sostenuta dalla chitarra acustica. Un'atmosfera ripresa nella finale "Roll it on home", dominata da una chitarra slide.

Rimane il dubbio della "wave" precedente.  Dove sta portando la "Ricerca del tutto"? Questa strategia degli EP funzionerà oppure è dispersiva? La bravura e la classe di Mayer non sono in discussione, ma pubblicare nuova musica non è come guardare una serie TV, ad episodi  - e comunque ora si fa binge watching e c'è Netflix, che rende disponibile tutto in un colpo....

Insomma, un altro caso in cui la forma delle distribuzione della musica rischia di distrarre dalla sostanza della musica stessa. Per avere un'immagine complessiva di chi è John Mayer nel 2017 toccherà aspettare che tutte le onde siano arrivate sulla spiaggia.

TRACKLIST

02. Emoji of a Wave (03:59)
03. Helpless (04:08)
04. Roll it on Home (03:24)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.