«REDENZIONE - LowLow» la recensione di Rockol

lowlow racconta la sua 'Redenzione', tra Eminem e Dostoevskij

L'album di debutto solista del rapper romano è stato anticipato dal singolo "Ulisse", che rappresenta l'ideale biglietto da visita del progetto: testi duri e crudi, linguaggio schietto e diretto. "Volevamo portare il rap con la 'r' maiuscola al pubblico i

Recensione del 21 gen 2017 a cura di Redazione

La recensione

"Ulisse" è stato il biglietto da visita per chi lowlow non lo conosceva affatto, la canzone che ha rappresentato il suo passaggio dall'"underground" della scena romana ad una visibilità più "mainstream". Il brano racconta, con un linguaggio crudo e duro, la storia di Nico, un ragazzo che ha "scelto il male perché il bene era banale", che va a fare una rapina in una banca, si accanisce contro il direttore e vede il tutto come "un atto di libertà intellettuale". I numeri sono stati buoni: il singolo è riuscito ad ottenere addirittura la certificazione oro, mentre il video ufficiale su YouTube viaggia verso i 15 milioni di visualizzazioni. Sulla scia di questo successo arriva "Redenzione", che è l'album di debutto di lowlow come solista per Sugar dopo le varie pubblicazioni per l'etichetta indipendente romana Honiro Label: un disco che, per temi e linguaggio, trova in "Ulisse" la sua canzone-simbolo.

lowlow ha 23 anni e scalpita, vuole dire la sua, vuole "uscire fuori dalla sensazione di non-esistere, di essere una comparsa in un mondo che ci bombarda di segnali, di icone e di manifesti" (come ha detto nella nostra intervista): "Redenzione" è l'album-frutto di questo impeto. È un disco che racconta non solo la redezione del rapper romano, ma che prova anche a raccontare lo spaesamento, l'inquietudine, l'angoscia e la fragilità della sua generazione. Lo fa con un linguaggio schietto, diretto e violento, proprio come in "Ulisse", che a volte sfocia nella rabbia, a volte nella provocazione, a volte nell'affronto e a volte nell'esaltazione. La schiettezza non si affida solamente al gergo della strada, ma mischia elementi "bassi" e "alti", con citazioni che guardano soprattutto al mondo della letteratura: Shakespeare, Dante, Calvino, Orwell, Dostoevskij. Perché lowlow, e lui stesso lo ha ammesso, è cresciuto in un contesto culturale molto forte, con due genitori intellettuali, e ha studiato in uno dei licei di maggiore prestigio di Roma - una situazione diversa, dunque, rispetto a quella dei rapper duri e crudi, nati nelle case popolari, da situazioni difficili e cresciuti per strada.

lowlow dice di avere un fucile carico, che vuole affermare il suo mondo, "diverso dalla cultura dominante". Perché, secondo lui, "il rap ha un potenziale enorme" ma "in Italia è stato esplorato poco". E parla di "Redenzione" come di "un progetto ambizioso": "Volevamo portare il rap con la 'r' maiuscola al pubblico italiano", dice, guardando ad Eminem. Ma davvero prima di lui, fino ad oggi, in Italia nessuno ha portato il rap con la "r" maiuscola al pubblico italiano?

La produzione è di Fausto Cogliati, già braccio destro di Articolo 31, Club Dogo e Fedez, con la sola eccezione di "Giulio Elia" (prodotta invece dal duo milanese dei 2nd Roof). C'è anche un duetto, quello con Marianne Mirage in "Redezione", altra artista del roster Sugar che vedremo in gara tra le "Nuove Proposte" al Festival di Sanremo 2017.

TRACKLIST

01. Arirang (04:25)
02. Ulisse (03:24)
03. Giulio Elia (03:16)
04. Il sentiero dei nidi di ragno (04:00)
05. Ziggy (03:37)
06. Io ti ammazzerei (03:20)
07. Canto V (03:29)
08. Bravo (03:44)
09. Niente di più stupido di sognare (03:25)
10. Borderline (03:32)
11. Redenzione (03:26)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.