«IN WINTER - Katie Melua» la recensione di Rockol

Katie Melua e il suo disco contro lo scampanellio delle canzoni pop natalizie

Esce "In winter", settimo album in studio della cantautrice, che stavolta si avvale della collaborazione di Adam "Cecil" Bartlett (PJ Harvey, Marianne Faithfull) e un coro tutto al femminile.

Recensione del 08 nov 2016 a cura di Redazione

La recensione

La storia del disco:
2014: un anno dopo aver consegnato al mercato l'album "Ketevan", la cantautrice Katie Melua scopre il Gori Women's Choir, coro georgiano composto da sole donne (25, in totale) e ne resta affascinata. "La prima volta che ho ascoltato il Gori Women's Choir sono stata spazzata via dal suono delle loro voci", dice. Insieme al produttore Adam "Cecil" Bartlett decide di mettersi al lavoro su un disco da realizzarsi in collaborazione con quel coro. Nasce così questo "In winter", settimo album in studio di Katie Melua.



Come suona e cosa c’è dentro:
Per registrare questo disco, Katie e il produttore (già braccio destro di PJ Harvey e Marianne Faithfull) sono volati in Georgia, terra che diede i natali alla cantautrice. Hanno costruito uno studio casalingo qui hanno dato il via alle lavorazioni del disco, nonostante le tante difficoltà: "Non eravamo produttori affermati e di professione, il coro non aveva mai registrato con le cuffie", ha detto lei. Al loro fianco chiamano anche il compositore corale Bob Chilcott. Ne deriva un disco invernale, nel mood e nel contenuto: "In winter" è un disco caldo e toccante, caratterizzato da sonorità soffici, acustiche e - verrebbe da dire - anche essenziali. Oltre a composizioni inedite, l'album contiene anche reinterpretazioni di pezzi come il canto natalizio ucraino "Shchedryk", "Nunc dimittis" di Rachmaninoff e "River" di Joni Mitchell (con Katie che si accompagna alla chitarra acustica).

Perché ascoltarlo (o perché girare alla larga):
Se odiate il solito scampanellio delle canzoni pop scalaclassifiche che le radio passano a manetta nel periodo pre-natalizio (si potrebbero fare duemila titoli...), allora questo è il disco che fa per voi: è un disco lontanissimo da quella roba lì. Perfetto per essere ascoltato in casa, con il camino acceso e la neve che, fuori, ricopre le strade e i marciapiedi.

La canzone fondamentale:
La cover di "River" di Joni Mitchell, perché l'essenza del disco sta tutta lì: nella chitarra acustica con cui Katie si accompagna, nel suo canto grazioso e il moto ondoso delle voci del Gori Women's Choir.

TRACKLIST

01. The Little Swallow (01:46)
02. River (03:25)
03. Perfect World (04:24)
04. Cradle Song (01:43)
05. A Time to Buy (03:31)
06. Plane Song (04:07)
08. Dreams on Fire (04:05)
09. All-Night Vigil - Nunc Dimittis (04:15)
10. O Holy Night (04:23)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.