«L'UOMO CHE VIAGGIAVA NEL VENTO (E ALTRI RACCONTI DI BREZZE E CORRENTI) - Murubutu» la recensione di Rockol

Murubutu - L'UOMO CHE VIAGGIAVA NEL VENTO (E ALTRI RACCONTI DI BREZZE E CORRENTI) - la recensione

Recensione del 22 ott 2016

La recensione

di Fabrizio Zanoni

Un altro rap è possibile: si i chiude così il press kit del disco di Murubutu. Definizione perfettamente a fuoco per uno storyteller d'eccellenza qual è l'artista di Reggio Emilia. Dimenticate tutte le idee che avete in merito al rap, Murubutu è altro. Insegnante di filosofia e storia nella vita di tutti i giorni, Alessio Mariani è prima di tutto un meraviglioso narratore con il dono supplementare di saperlo fare in metrica.  Invidio i suoi alunni perché avere il privilegio di un insegnante simile non può non farti appassionare alle sue materie. a meno che non si abbia la curiosità di un sasso.

"L'uomo che viaggiava nel vento e altri racconti di brezze e correnti" è a tutti gli effetti il secondo capitolo del percorso iniziato con "Gli ammutinati del Bouncin' ovvero mirabolanti avventure di uomini e mari" (al nostro piacciono i titoli "concisi" alla Wertmuller...). Concept di rap-conti sul mare e il viaggio il primo, concept di rap-conti sul vento il secondo. Si somigliano nello stile, nelle metriche e perfino nella copertina, si potrebbero considerare due parti dello stesso lavoro, due capitoli dello stesso libro usciti a distanza di due anni.

Avevo premiato "Gli ammutinati..."come miglior disco italiano del 2014  e il nuovo lavoro non è da meno. Difetti? Potrebbe non piacervi l'estrema somiglianza tra i due lavori, la voce di Murubutu potrebbe ricordarvi molto quella di Frankie Hi Nrg ma amando chi vi scrive sia il primo che il secondo si spiega il voto in pagella.

A livello di basi alcune omaggiano la vecchia scuola ("Bora","Il re dei venti" dove si fa largo uso di un re deposto, lo scratch). Tra le 14 tracce segnalo "Grecale", valorizzato da un bell'accompagnamento di piano (perché viene usato così poco nel rap? è perfetto, vedasi giusto per fare un esempio "China Town" di Caparezza), "Scirocco" ospita Rancore, un altro rapper che meriterebbe ben altra attenzione per la sua capacità compositiva (ascoltate "La macchina del tempo" con base di Big Fish, con quel volue di barre c'è chi ci fa un disco intero). "Mara e il maestrale" mi ricorda le atmosfere delle splendide "Sull'Atlantico" e "I marinai tornano tardi" contenute nel precedente lavoro. "Levante" ospita nella stessa traccia altri due amici che hanno proposto in questi anni due altri mo(n)di di fare rap: Dargen D'Amico e Ghemon.

"L'uomo che viaggiava nel vento" non è un disco da sottofondo, da canticchiata estiva, da hit radiofonica, non a caso Murubutu raccoglie infinitamente meno di quanto meriti a dispetto di ragazzini cazzari con il ritornello piacione, cappellino d'ordinanza e rime paracule. Una critica: un disco così non può non avere i testi nel booklet. Perché vanno letti, assaporati, capiti, sedimentati. "L'uomo che viaggiava nel vento" è un Barolo, da aprire e sorseggiare lentamente per inebriare i sensi, un compagno ideale per accompagnare le uggiose serate autunnali. 

 

TRACKLIST

02. La bella creola (03:54)
03. Grecale (04:21)
04. Scirocco (04:51)
06. Bora (04:12)
07. Dafne sa contare (03:41)
08. Levante (04:30)
09. Linee di libeccio (03:37)
10. Il re dei venti (05:05)
11. Isobarre (03:56)
13. L'uomo che viaggiava nel vento (03:44)
14. L'ultimo soffio - Conclusione (02:55)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.