«LOVE & HATE - Michael Kiwanuka» la recensione di Rockol

Michael Kiwanuka - LOVE & HATE - la recensione

Recensione del 19 lug 2016 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Una piccola regola che mi sono dato, ascoltando e scrivendo di musica, è quella di diffidare delle "next big thing" inglesi. Il meccanismo per cui il prossimo artista è il salvatore del <inserite voi un genere a piacere> è vecchio e particolarmente radicato oltremanica, e serve più ai media che ai cantanti. Spesso, il meccanismo prevede il massacro o il dimenticatoio già al secondo disco.

Nel 2012 Michael Kiwanuka ha vinto il BBC Sound - l'annuale poll della radio nazionale, reputato come il più accreditato nell'individuare le Next Big Thing: ha lanciato Adele, è stato vinto da Mika, da Ellie Goulding, da Sam Smith - ma anche da gente poi rimossa dalla memoria collettiva.

Il primo album di Michael Kiwanuka, "Home again" è era un bel disco, ma godeva (o soffriva) dell'alone della "Next big thing". Un disco scritto e suonato benissimo, ma che sembrava uscito dritto dagli anni '70, tra orchestrazioni alla Van Morrison, e una voce alla Bill Whiters.

Tre anni dopo, Kiwanuka è cresciuto, e parecchio. "Love & hate" è un disco decisamente più maturo. Sarà perchè l'aura da "Next big thing" è ormai dimenticata, ma ora si può davvero apprezzare il talento di questo cantautore. Una grossa mano arriva dalla produzione: Danger Mouse, ancora lui, che aiuta negli arrangiamenti e soprattutto nella parte ritimica. Ma ha il grosso pregio di togliere i freni inibitori a Kiwanuka, facendo l'opposto di quello che fa solitamente un produttore: spingere a tagliare. Invece no: "Love & hate" si apre con "Cold little heart", una suite di 8 minuti, con la voce di Kiwanuka che arriva dopo 5 minuti abbondanti, quando dopo archi, cori, chitarre entra anche una batteria campionata. Si entra, piano piano, in un mondo. E che mondo, in cui passato e presente si fondono senza soluzione di continuità.

Altre due canzoni vanno sopra i 7 minuti, altre due sopra i 5. Ma non c'è un momento di noia, soprattutto in canzoni come "Love & hate", 7' e 43" di melodia e ritmo, un vero gioiello - come "Black man in a white world", ancora più melodica, come "One more night" (che sembra quasi un brano degli Gnarls Barkley, e non è un male)

Vedremo i risultati di questo album, ma a livello qualitativo, possiamo semplicemente dire che Michael Kiwanuka è passato dallo status di "Next" a "Big thing" e basta.

 

 

TRACKLIST

03. Falling
05. Love & hate
06. One more light
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.