«Z - SZA» la recensione di Rockol

SZA - Z - la recensione

Recensione del 01 mag 2014 a cura di Michele Boroni

La recensione

Sarebbe un peccato sottovalutare queste piccole realtà dell'hip-hop (collettivi, piccole etichette, posse) che si stanno sviluppando specialmente nella costa ovest del continente americano. E sarebbe altresì superficiale relegarle al solo ambito del genere, perché in realtà si stanno muovendo anche in altre direzioni attraverso tentativi - spesso riusciti, altre volte meno – di tracciare nuove strade nel territorio del pop e del neo-soul, sperimentando percorsi non propriamente commerciali, ma innestando una nuova poetica, il più delle volte malinconica e dalla forte tensione emotiva.
E' successo magistralmente in casa Odd Future (l'etichetta di Tyler the Creator e Earl Sweatshirt) con Frank Ocean, fin dal suo mixtape “Novacane” e il capolavoro “Channel Orange” ma anche con il progetto The Internet. Ci provano ora i tipi della TDE (Top Dawg Ent.) forti dei loro successi di Kendrick Lamar e Schoolboy Q con il primo disco di SZA, tag di Solana Rowe, nata a St. Louis, Missouri ma cresciuta nel New Jersey, strana creatura lentigginosa che si definisce “non umana, ma fatta di pancetta, favole e polvere di stelle”, cresciuta a Miles Davis e Ella Fitzgerald e che oggi è ispirata da Beirut, Bjork, Sade e Animal Collective.
E' difficile etichettare questo suo esordio, tra elettro-pop (la stilosa“Julia” prodotto dai Toro Y Moi) e beats narcotizzato (nell'iniziale“Ur” prodotto da Mac Miller), rock-soul (“Sweet November” dove SZA canta sullo strumentale “Mandota” di Marvin Gaye, che quindi risulta tra i produttori del disco) e white pop (la bella “Shattered Ring”). Quindi in parte l'obiettivo è raggiunto. Durante tutto il disco Solana ci tiene a sottolineare il suo essere una mosca bianca, a non volersi omologare al mainstream (“Crucify me” canta in “Babylon”), e questa insistenza egoriferita un po' weirdo senza mettere completamente a fuoco la propria identità musicale è forse il lato debole del disco.
Ed è un peccato perché “Z” contiene idee (come in “Child's Play” in cui si immedesima in Skipper, la sorella sfigata di Barbie), belle atmosfere e anche una manciata di belle canzoni. Oltre a quelle già citate c'è da segnalare “Babylon” con Kendrick Lamar, forse il pezzo più interessante dell'intero disco. Probabilmente il punto di contatto con il mondo hip-hop sta proprio nella composizione dei testi, spesso surreali ed ermetici, volti più che altro a creare una suggestione sonora. Infine c'è la voce di SZA: calda, avvolgente, ma sempre un po' distante e poco appariscente.
Insomma, la ragazza va tenuta d'occhio, come pure i progetti laterali delle etichette hip-hop che, silenziosamente, stanno spostando la direzione del pop.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.