«SALUTE - Little Mix» la recensione di Rockol

Little Mix - SALUTE - la recensione

Recensione del 15 nov 2013 a cura di Pop Topoi

La recensione

Talvolta è difficile difendere i concorrenti di X Factor quando arrivano alla prova discografica e talvolta è anche sbagliato, perché quello che funziona in trasmissione può rivelarsi disastroso sul mercato. Quando si parla di gruppi costruiti a tavolino, poi, le probabilità di sopravvivenza sono sotto lo zero. Ed ecco che arrivano gli One Direction e le Little Mix, rispettivamente la boyband e la girlband di maggiore successo mondiale al momento, a distruggere gli assiomi imparati guardando anni di talent show e seguendo le sfortunate parabole di decine di "gruppi vocali".
Appena sei mesi fa, chiudevo la recensione del primo album delle Little Mix scrivendo: "è davvero il meglio che si possa chiedere a una girlband nel 2013". Si prova una certa soddisfazione nel constatare che quella conclusione è ancora valida oggi, nella settimana di uscita del loro secondo lavoro. "Maturo" è il primo aggettivo che viene voglia di sprecare sentendo Salute, perché le quattro ragazze e i loro produttori hanno individuato i punti forti di DNA e li hanno potenziati senza ripetersi e senza tradirsi.




Il primo singolo "Move" è un irresistibile uptempo in cui il riferimento più evidente sono i Neptunes, ha una base essenziale ma una struttura inaspettata, che sceglie di esplodere solo a tre quarti dalla fine; "Boy" è altrettanto avventurosa: inizia con quasi un minuto a cappella per poi diventare la migliore traccia di Timbaland su cui Timbaland non ha lavorato (la citazione è così accurata da contenere anche il campionamento del gemito di un neonato a 02:37 come in "Are you that somebody" di Aaliyah); "Salute" è un omaggio per le fan del gruppo, che non può evitare di puntare sul girl power, ma inserisce la chiamata al fronte pseudo-femminista in una marcia militare accostabile a "Run the world" di Beyoncé.
Queste tre tracce, che non a caso erano state scelte come anteprima, sono i capitoli più coraggiosi dell'album, ma anche quando le Little Mix osano di meno, come accadeva in DNA, riescono a essere convincenti. Tralasciando le adeguate ma troppo generiche power ballad "Little me" e "Towers", il resto di Salute mantiene un ottimo livello medio: dalle ballate iperdrammatiche (la migliore è "These four walls") all'R&B americano anni '90 ("Mr Loverboy"), il gruppo conserva la sua identità e ottiene un prodotto assai originale senza mai perdere di vista il suo target.
Ancora una volta, "è davvero il meglio che si possa chiedere a una girlband nel 2013" – e forse anche negli anni a venire.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.