«AND I'LL SCRATCH YOURS - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - AND I'LL SCRATCH YOURS - la recensione

Recensione del 18 ott 2013 a cura di Alfredo Marziano

La recensione

Inseguire gli artisti che aveva invitato a partecipare a questo disco di cover, ha spiegato Peter Gabriel al Guardian, è stato un po' come cercare di mettere in riga un gruppo di gatti randagi. La metafora calza alla perfezione a un disco alquanto indisciplinato, in cui si respira un'aria estemporanea e un senso di allegra anarchia. Ci sarebbe voluto uno con il polso e le credenziali di Hal Willner, per dire, per trasformarlo in un progetto più organico e coerente, e forse lo stesso Gabriel non ambiva a tanto: dopo essersi fatto "grattare la schiena" da alcuni colleghi, tre anni fa, con il suo disco di reinterpretazioni orchestrali "Scratch my back" " ha avuto la (bella) idea di coinvolgerli nella creazione di un disco complementare e a specchio (sono ora in vendita anche accoppiati) dove tocca agli ospiti aprire gli armadi e frugare i cassetti di casa sua in cerca di ciò che gli aggrada. Come spesso capita all'utopico Peter, la cosa gli è un po' sfuggita di mano: ci sono voluti tre anni (un vero contrappasso, per uno lento come lui) a raccogliere la dozzina di brani che compongono il disco, mentre all'appello non hanno risposto pezzi da novanta come David Bowie, Neil Young e Radiohead (molto si è parlato di come la sua versione di "Street spirit" sia risultata indigesta a Thom Yorke , che a quel punto si sarebbe defilato). Poco male, perché il cast è comunque di prim'ordine, anche se non tutti sembrano avere preso l'impegno troppo sul serio: dallo scanzonato Stephin Merritt ( Magnetic Fields ) che trasforma la drammatica "Not one of us" in una sorta di soundtrack elettronica da cartone animato o da videogioco a uno svagato David Byrne che, francamente, sembra aver lavorato a "I don't remember" con la mano sinistra, confezionando un techno funk un po' evanescente che non resterà nella storia come una delle sue cose migliori.

Entrambi i contributi appartengono alla schiera delle reinvenzioni "creative", categoria che nella circostanza vede primeggiare - e non è una sorpresa - Lou Reed e Brian Eno : nelle mani del primo, "Solsbury Hill" perde ogni parvenza pop per trasformarsi in un mefitico talking blues immerso in una soluzione acida di feedback; in quelle del secondo, "Mother of violence" (una vecchia e dimenticata perla da "Peter Gabriel II") diventa un rosario noise snocciolato con voce atona che rigetta il cuore melodico della canzone per amplificare il mood inquieto e nervoso del testo. Prendere o lasciare, e certo i due colossi non conoscono i timori reverenziali di Regina Spektor ("Blood of Eden") o degli Elbow ("Mercy street"), le cui riletture sono troppo ossequiose e simili agli originali per farsi ricordare e trasmettere un brivido autentico (meglio Feist , allora, che con Timber Timbre capovolge il dialogo uomo-donna di una "Don't give up" ipnotica, orientaleggiante e un po' tribale). Anche dalla "Games without frontiers" energica ma poco dinamica degli Arcade Fire sarebbe stato lecito aspettarsi di più; al contrario Randy Newman , che di Gabriel è un padre putativo riconosciuto, sembra essersi divertito non poco a smantellare la grandeur electro-funk di "Big time" per concentrarsi su un testo paradossale e sardonico adatto alla sua voce acidula e alle sue corde, mentre a Paul Simon bastano una dodici corde, un violino e poco altro per restituire l'intensa solennità di una "Biko" sussurrata invece che cantata a squarciagola con il pugno alzato. Alla fine, però, sono forse gli outsider a fare il lavoro migliore: Bon Iver , per esempio, che regala un'inedita prospettiva alt-folk-country a "Come talk to me" servendosi di un bell'arpeggio di chitarra acustica, di un banjo e di bellissime voci da cattedrale e soprattutto Joseph Arthur , un vecchio pupillo di Gabriel (diversi titoli del suo catalogo sono su etichetta Real World) che trasforma "Shock the monkey" in una sofferta, lacerata ballata elettrica con echi western e lancinanti distorsioni chitarristiche. Facilitato, forse, dalla conoscenza diretta di un artista il cui repertorio si conferma anche in quest'occasione materiale non facile da maneggiare: in quasi tutte le canzoni dell'inglese voce, linea melodica e tessiture sonore si fondono in un unicum inscindibile, un giocattolo difficile da rimontare una volta che si è provato a scomporlo nei suoi ingranaggi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.