«THE MUSIC OF NASHVILLE - SEASON 1, VOL 1 - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - THE MUSIC OF NASHVILLE - SEASON 1, VOL 1 - la recensione

Recensione del 17 dic 2012 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Questo è un disco che non troverete in Italia, così come è è difficile che si decida di importare la serie da cui è derivato. Troppo americano, il tutto. Ma se vi piace quel genere che va appunto sotto il nome di “Americana”, dovreste recuperarvi l’uno e l’altro (suvvia, non è difficile).
“Nashville”, la serie, è ambientata nello spietata città dell’industria del country rock. Le protagoniste sono due cantanti, una in declino e una giovane e rampante, entrambe alle prese con problemi musicali e famigliari. La struttura e le atmosfere ricordano un po’ "Dallas": c’è il cattivone manipolatore (che ricorda J.R. anche fisicamente), ci sono molti personaggi musicali di contorno: il chitarrista bravo ma frustrato perché vorrebbe avere spazi in primo piano (e che tradisce la sua amata artista in declino per la giovane); il giovane musicista arrogante e arrabbiato perché nessuno se lo fila, la sua fidanzata talentuosa e ingenua che flirta (musicalmente) con un altro chitarrista, la vecchia volpe talent scout (interpretata da JD Souther, una vecchia volpe davvero del rock californiano). Il tutto sullo sfondo del musicbiz - che garantisce intrighi e tensione narrativa anche per chi non è appassionato dei suoi meccanismi - e della politica locale.

E poi c’è tanta, tanta musica - supervisionata e prodotta da T-Bone Burnett, che in questo campo (e non solo) è un genio. Ricordate l’operazione “Fratello dove sei?”. Ecco, siamo da quelle parti. Non ci sono, in queste canzoni, quegli elementi che rendono il country-rock così “cheesy” alle nostre orecchie: pochissima slide e “twang guitar”, poche voci che svisano. Molto pop-rock di ottima fattura. In alcuni casi con venature pop, come le canzoni di Hayden Panettiere - la giovane star rampante che ricorda un po’ Taylor Swift - e non è un caso, visto che questo disco esce per la stessa etichetta della star. O più rock, come le canzoni di Connie Britten, la star declinante. Anche se i momenti migliori sono quelli di Sam Palladio e Clare Bowen, la ragazzotta ingenua e talentuosa il suo partner musicale. Questa è la miglior canzone del disco.



Nella serie c’è molta, molta più musica (e infatti il titolo lascia intendere che ci saranno altri volumi), perfettamente integrata nella narrazione. Questa è una piccola selezione, ma risulta comunque un disco piacevole, utile a dimostrare che il country rock è molto diverso dall’immagine vecchia e stereotipata che ancora abbiamo da queste parti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.