«CONCORDIA - Foxhound» la recensione di Rockol

Foxhound - CONCORDIA - la recensione

Recensione del 22 giu 2012 a cura di Marco Jeannin

La recensione

Aprire un disco con una traccia intitolata “Do it yourself” chiarisce quantomeno le intenzioni di un gruppo. Se poi il disco è quello d’esordio e la band quattro ragazzi di diciannove anni, beh, quel “Do it yourself” diventa davvero qualcosa di più che solo un titolo. Loro sono i Foxhound: torinesi, spigliati, esterofili per ammissione e, sempre per ammissione, nemici del formaggio. Avete letto bene: nemici del formaggio. Loro si presentano così. O meglio, così e con un pezzo come “Do it yourself”, fortunata opening track del nuovo “Concordia”, il loro Primo Album. Manco a dirlo di rock indipendente, un po’ punk, a tratti post, ma sempre e comunque indie: chitarre tagliate, cassa dritta, riffoni grezzi, e qualche abbellimento superficiale giusto per dare un po’ di colore al tutto. Eccoli qui i Foxhound, la declinazione nostrana più fresca e interessante di un genere solitamente più consono a ugole griffate union jack (Arctic Monkeys? Kaiser Chiefs?).

Nove i pezzi in scaletta, nove ottimi esempi di sano e corposo indie rock senza troppi fronzoli pronto a fluire immediatamente una volta lanciata la già citata intro “DIY”, seguita dall’agrodolce “To change”, dall’ottimo brit rock di “Criticize you” tutto basso e batteria, e dalle ottime “Movin’ back” (Franz Ferdinand?) e “Please please you”. L’attacco frontale dalle movenze sinuose “Bounce” apre poi al trio finale “Feelings hold now”, “Poser” e “I beat that bitch with her bats”, chiosa di oltre otto minuti in cui i Foxhound riescono a concentrare la loro essenza (e forse anche quella di un genere), con la sicurezza di gente con almeno dieci anni di musica in più sulle spalle.

Ed è questa la caratteristica più sconcertante dei Foxhound: “Concordia” è un buon disco che diventa però ottimo una volta capito che a metterlo in piedi sono stati quattro ragazzi neanche ventenni. “I beat that bitch with her bats” non è un pezzo da tutti i giorni e soprattutto non è indie rock da cartolina. E’ il ribaltamento di un canone, di quel “Do it yourself” che ingannevolmente in apertura di disco devia il pregiudizio sui binari di un punk senza colore suonato tanto per cambiare da una band di scapestrati. Niente di più lontano dal reale. “Concordia” è un album indie rock, ma non inteso come genere. È indipendente nel senso che ci regala una band in grado di reggersi in piedi già da sola nonostante la giovane età. Una band da tenere assolutamente d’occhio. Cosa che non stiamo già facendo con la nostra rubrica The Observer. Fatelo anche voi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.