«A DIFFERENT KIND OF TRUTH - Van Halen» la recensione di Rockol

Van Halen - A DIFFERENT KIND OF TRUTH - la recensione

Recensione del 06 feb 2012 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Occhio: prima di ascoltare questo album prendete nota di almeno un paio di importantissime avvertenze. Primo - il girovita delle persone normali in 28 anni aumenta, eccome se aumenta... a volte in maniera esponenziale. Secondo - il mullet e/o la chioma cotonata che rendevano gloriose le vostre giornate (e le vostre teste) nel 1984 potrebbero non essere più al loro posto.
Tenete ben a mente tutto ciò, perché il nuovo album dei Van Halen - "A different kind of truth", incidentalmente il primo con David Lee Roth dal 1984, appunto - potrebbe risvegliare l'eroe da party metal che è in voi; risultato? Vi verrà voglia di rientrare in quei vecchi spandex a righe, magari a torso nudo, con il capello svolazzante nell'aere del salotto trasformato in palcoscenico del Troubadour.
Insomma, alla faccia degli scettici che non credevano possibile un ritorno in grande stile della coppia Eddie Van Halen/David Lee Roth, questo disco è senza dubbio il degno successore di "1984"; certo, il tempo è passato e non sarebbe corretto fingere di non saperlo, però un'uscita simile tiene, se non altro, fede alla reputazione che il gruppo si è costruito in quelli che furono i suoi anni d'oro.
"A different kind of truth" è pop metal scanzonato, scintillante, pirotecnico, sbruffone il giusto e gigionissimo: i suoi brani melodici e saltellanti sono anche percorsi da una piacevole vena più hard del solito... insomma, è quasi a prova di bomba. E lo è soprattutto se non siete appassionati hardcore e collezionisti di demo e outtake, perché in questo caso poco vi importerà della polemica che impazza intorno alle 13 canzoni dell'album - pare infatti che la maggior parte di questo materiale sia stata presa da vecchi demo, scarti e frattaglie di 30 anni orsono.
Detto questo, alla fine della giornata quello che ci resta in mano è una bella prova. Il girovita di David è rimasto quasi quello di 28 anni fa, l'energia istrionica che sa trasmettere ha perso solo poco smalto, la voce regge ancora dignitosamente (i capelli un po' meno: il trapiantino è innegabile); ma nonostante tutti gli occhi siano puntati su di lui, il figliol prodigo tornato all'ovile, spenderei qualche doverosa riga per Mr Eddie Van Halen, in forma smagliante. Le sue dita fanno numeri esaltanti sul manico della EVH Wolfgang, con quel suo classico stile melodico e rock - esuberante, ma privo del tipico e borioso compiacimento neoclassico di alcuni colleghi: è decisamente un piacere ascoltarlo, anche senza essere chitarristi o appassionati del virtuosismo senza limiti.
Paradossalmente il brano meno convincente è proprio il singolo (nonché traccia d'apertura del disco) "Tattoo", con quel suo piglio sciocchino e il ritornello da pop song finita in classe differenziale. Il resto invece è focalizzato, energetico e convincente, senza cali di tensione - tanto che anche l'ultimo brano ("Beats workin'") è un gioiellino di hard rock, cabaret e istrionismo.
Se avete amato i Van Halen di Diamond Dave e lo rimpiangevate - magari in silenzio - comprando i dischi con Sammy Hagar; se siete troppo giovani per avere vissuto i Van Halen nel loro momento aureo; se amate l'hard rock/metal melodico e divertente, che ha il profumo di California, spiagge e feste "no limits"; se godete nell'ascoltare chitarristi pirotecnici... allora questo disco difficilmente potrà non piacervi nemmeno un po'.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.