«MY WAY - Usher» la recensione di Rockol

Usher - MY WAY - la recensione

Recensione del 08 apr 1998

La recensione

I critici, quando possono, tendono ad evitare dischi come questi. Recensire le produzioni teen-oriented, in mancanza di un fenomeno para-sociologico cui aggrapparsi, è un’opera da kamikaze, anche perché a chi ha superato la trentina (ovvero il 95% dei critici rock) questi dischi non dicono proprio nulla. Li spiazzano. Li innervosiscono. Nel caso di Usher, tuttavia, siamo lontani dai Boyz II Men o dai Backstreet Boys, tanto per fare due nomi. "My way" ha una tale raffinatezza "black" da lasciare quasi interdetti: gli ammiccamenti ai teenagers sono contenuti, e il risultato finale somiglia molto a certa languida "musica da fighi" (quella che piace ai seguaci di Nick the Nightfly - e facciamoli, ‘sti nomi e cognomi per una volta). Il 18enne di Chattanooga ha fatto un disco (il suo secondo) molto cool, raffinato e patinato, che si rivolge ai suoi coetanei ma può conquistare anche i più navigati avventori dei music club della birra. Non è che abbia fatto tutto da solo, intendiamoci: dietro ci sono Babyface, Teddy Riley e Jermaine Dupri. I quali si coccolano il loro bel ragazzino con la voce carezzevole, e lo immergono in un mare di ballate molto slow: tanto per chiarire le intenzioni, ci sono "Nice and slow" e una "Slow jam"; poco hip hop, al massimo un po’ di uptempo con "You make me wanna" e un intervento rap di Lil’Kim che vale al disco il bollino USA delle parolacce. Nel complesso, in un genere dove la banalità si spreca e viene premiata, il disco di Usher spicca per ricercatezza. Chissà cosa farà a diciannove anni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.