«LIVE ON I5 - Soundgarden» la recensione di Rockol

Soundgarden - LIVE ON I5 - la recensione

Recensione del 14 mar 2011 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Adesso si inizia a capire meglio la strategia della reunion dei Soundgarden. Annunciata a spron battuto ormai quasi un anno e mezzo fa, ha prodotto ben poche cose: qualche concerto sparso, una raccolta con un vecchio inedito, e poco altro.
Mentre la band annuncia l'intenzione di andare in studio per registrare degli inediti - e anche se nel frattempo Chris Cornell è in giro con un tour solista in acustico - il 22 marzo uscirà questo disco dal vivo. E' chiaro, anche se non esplicitato fino in fondo, che i quattro se la stanno prendendo con calma, che stanno facendo piccoli passi in mezzo a impegni già presi - Matt Cameron, per esempio, ha continuato a fare il batterista dei Pearl Jam.
Questo disco è anch'esso tratto da materiale d'archivio: raccoglie diverse performance tratte dal tour del 1996, ovvero il tour che seguì la pubblicazione dell'ultimo album di inediti, "Down on the upside". Non uno dei periodo musicalmente più felici della band di Seattle, a dire la verità.
Ma almeno, questa volta il gioco vale la candela: "Live on the I5" (la I5 del titolo è la "Interstate 5" che percorre la west coast americana) ripresenta il suono migliore della band di Cornell e soci. Il suono zeppeliniano rivisitato, pesante e chitarristico, la faccia più scura del grunge: basta sentire la stupenda versione di "Rusty cage", o le due cover presenti: una cupa rivisitazione di “Helter skelter” dei Beatles e una di “Search and destroy” degli Stooges.
C'è spazio anche per una versione minimale di "Black hole sun", eseguita alla chitarra elettrica dal solo Cornell, e molto materiale dai primi dischi, oltre a qualche canzone più recente e più debole (come "Dusty").
"Live on I5" è un disco solido, che ricorda perché al tempo si amava così tanto questa band. Certo, è un disco che sarebbe potuto uscire a prescindere dalla reunion, e qualche dubbio sulla strategia di quest'ultima rimane. Ma qua c'è buona musica di una grande band, e questo è quanto basta.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.