«UNFINISHED MONKEY BUSINESS - Ian Brown» la recensione di Rockol

Ian Brown - UNFINISHED MONKEY BUSINESS - la recensione

Recensione del 01 apr 1998

La recensione

"Avere successo è come oltrepassare una porta. Nessuno è mai rimasto lo stesso quando è arrivato dall’altra parte. O è morto come Hendrix e Marvin Gaye, o è impazzito come James Brown. A me interessa più di tutto rimanere me stesso".

Il debutto solista dello scimmiesco ex frontman degli Stone Roses è fedele a tale manifesto programmatico. Una volta aperto l’album col singolo "My star" - come dire: "questo è quello che potrei fare se solo lo volessi", Brown si ferma soddisfatto a gironzolare nei dintorni del proprio talento, e nel resto el disco si limita ad amministrarlo rimasticando la ben nota dance-rock-psichedelia che scosse l’Inghilterra all’inizio degli anni ’90 (avete dato un’occhiata ai tanti referendum britannici sui dischi più importanti della storia del rock? "The Stone Roses" è sempre lì che sgomita con Sgt.Pepper’s).

Se è vero che molti "grooves" del disco - ad esempio "Can’t see me", rimpatriata con Mani e Reni dei Roses - fanno capire quale fosse il peso creativo di Brown nella band di Manchester, l’effetto-boomerang è quello di suscitare una gran voglia di Stone Roses, cioè di tutto quello che manca a questo "Monkey Business" che anche il titolo sottolinea come "Unfinished". Il folle calore di quell’esperienza rivive in una pallida eco: Ian sembra solo soletto in una stanza. E spesso lo è: in alcuni brani suona tutti gli strumenti, in altri lo sorregge il fido Aziz Ibrahim, il chitarrista che lo consolò per la separazione dal sodale John Squire. Ma chi consolerà i fans quando ascolteranno questo disco insieme spartano e nostalgico? Basteranno la stonacchiata "Sunshine", "What happened to ya" e "Nah nah", insieme alla già citata "My star", a tener vivo il loro amore?

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.