«ROCK DUST LIGHT STAR - Jamiroquai» la recensione di Rockol

Jamiroquai - ROCK DUST LIGHT STAR - la recensione

Recensione del 28 ott 2010 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Tutto cambia per non cambiare, e certe volte è meglio così. Dei Jamiroquai si erano un po’ perse le tracce, se non si è stati troppo attenti. Non pubblicano dischi da cinque anni, da "Dynamite" del 2005. Ma non hanno mai cessato le attività, andando anche in tour.
Però il fatto è che appena uno inizia ad ascoltare questo album, si torna indietro nel tempo, e si assiste all’eterno ritorno dell’uguale e nel senso buono dell'espressione. Prima di mettermi a scrivere queste righe, sono andato a rileggermi cosa avevamo detto a Rockol dei dischi precedenti, in particolare di “Synkronized” e di “A funk odissey” e la tentazione è stata forte: riprendere le recensioni, cambiare qualche parola qua e là, e far finta che le avessi scritte io, adesso. Tanto i Jamiroquai., o meglio Jay Kay, fanno sempre la stessa musica: un mix riuscitissimo di rock, funk, dance che pesca a piene mani da Stevie Wonder; probabilmente non riusciranno mai a bissare le vette del disco d’esordio, “Emergency on planet earth” (1993); ci si sono avvicinati qualche volta, soprattutto con “Travelling without moving”. Ma allo stesso tempo non se ne sono neanche mai allontanati più di tanto.
Così questo “Rock dust light star” – primo lavoro per la Universal dopo una vita passata alla Sony – è un ottimo disco che non dice nulla di nuovo. Il titolo ammicca ad un suono meno funky e più rock, ma questo si verifica solo in un paio di pezzi, soprattutto in “Hurtin’”, con quel riff di chitarra quasi alla Ac/Dc, o in “Goodbye my dancer”, anch’essa molto chitarristica ma orientata al reggae, stile Police. Le sa scrivere le canzoni, Jason, e le sa arrangiare come pochi altri: in pratica questo genere di funky-rock l’ha inventato lui, e ne ha ancora il copyright: basta sentire il singolo “White knuckle ride”, o il giro di basso che apre “All good in the hood”: ricorda in maniera impressionante, almeno nelle prime battute, “Another one bites the dust” dei Queen, ed è un gran complimento.
“Rock dust light star” è un signor disco, va detto e ripetuto a scanso di equivoci. Nostalgia e nostalgici a parte, bisognerà vedere come verrà accolto in un mondo musicale che è molto cambiato da quei primi anni ’90 in cui ci si ritrovò tutti a canticchiare e ballare questo sound. Jay, lui fa quello che deve fare, e lo fa bene.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.