«APHRODITE - Kylie Minogue» la recensione di Rockol

Kylie Minogue - APHRODITE - la recensione

Recensione del 06 lug 2010 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Sembrano passati secoli dall'ultimo album di Kylie Minogue, "X" che invece è uscito neanche 3 anni fa. Sembra passato tutto quel tempo perché il campo delle cantanti-pop-donne - delle aspiranti al titolo di "nuova Madonna", direbbe qualcuno - è ormai un terreno di battaglia sovrafollato da gente come Lady Gaga, Katy Perry & co. E Kylie Minogue, che quel paragone l'ha subito tante di quelle volte e sempre se ne è fregata ed è andata per la sua strada, oggi sembra quasi una outsider.
Sbagliato. "Aphrodite" ricorda di cosa è capace la cantante australiana. Certo, è un disco con il trucco. E il trucco ha un nome ed un cognome: Stuart Price. Il trentenne francese è ormai il numero 1 nella produzione dance pop, e il suo curriculum è impressionante, da "Confessions on the dance floor" di Madonna a "Night work" degli Scissor Sisters. "Aphrodite" è, per l'appunto un disco di dance-pop prodotto da Price, nella vena di questi predecessori. E Kylie ci mette del suo, fin dalle prime battute, quelle di "All the lovers" in cui proclama che "All I wanna do is dance". Si è lamentata recentemente che suoi dischi precedenti erano poco omogenei, e qua ha risolto la questione: 12 canzoni basate su quei sintetizzatori un po' tamarri e retrò che piacciono tanto a Price e ai suoi adepti, grandi melodie, e poche uscite da questi binari, come per esempio in "Cupid boy", con quel basso melodico che fa tanto new wave e tanto New Order(passione comune di entrambi: Kylie aveva fatto furore con un remix/mash up tra la sua "Can't get you out of my head" e "Blue monday", e Price aveva prodotto un paio di pezzi dell'ultimo album di studio della band, "Waiting for the sirens' call").
Nel disco non c'è spazio per ballate o rallentamenti, ma non se ne sente la mancanza. Perché il tutto è, per l'appunto, un po' tamarro ma divertente come solo la buona musica dance sa esserlo. E, da questo punto di vista, Kylie Minogue è l'interprete perfetta per questo genere di musica.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.