«WOMEN AND COUNTRY - Jakob Dylan» la recensione di Rockol

Jakob Dylan - WOMEN AND COUNTRY - la recensione

Recensione del 13 apr 2010 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ok, il titolo non è dei migliori, almeno per un occhio/orecchio distratto. "Women and country" fa pensare a Nashville, e se poi c'è di mezzo uno che di cognome fa Dylan, ti viene in mente la svolta country del padre, che a suo tempo fece discutere parecchio.
Jakob Dylan si porterà sempre appresso la benedizione/maledizione di quel cognome che di più ingombranti non ce n'è, nella musica, e adesso non può più neanche nascondersi dietro i Wallflowers, che non pubblicano dischi nuovi da 5 anni, anche se qualche segno di vita l'hanno dato, ultimamente. Però questa volta ha davvero fatto centro: questo album è il secondo lavoro da solista, ed è decisamente più a fuoco del precedente, “Seeing things", dignitoso e scarno lavoro prodotto da Rick Rubin.
Qua c'è un altro grande produttore che ci mette lo zampino, T-Bone Burnett, che lavorò al maggior successo dei Wallflowers, quel capolavoro che risponde al nome di "Bringin' down the horse". E ci sono un sacco di ospiti (si fa per dire, perché non è che facciano capolino in una canzone, ma sono lì, dietro le quinte in quasi tutto il disco): Neko Case , i New Pornographers, ovvero nomi riconosciuti del nuovo tradizionalismo indipendente.
Il risultato è un vero gioiello: nei suoni che sì, sono country, ma tutt'altro che banali: ballate delicate, e stratificate, con suoni ricercati, in cui si sente la mano di Burnett. A partire dall'iniziale "Nothing but the whole wide world" in poi, è un bel caleidoscopio di sonorità vintage, che aiutano una scrittura eccellente. Che Dylan jr. sappia scrivere grandi canzoni non è una novità, e qua lo dimostrano "Everybody's hurting" e "Truth for a truth". La novità è invece che Jakob abbia trovato una perfetta terza via tra il rock radiofonico dei Wallflowers e il cantautorato minimale e paterno del primo disco.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.