Rockol - sezioni principali

Recensioni / 12 apr 2010

Jonsi - GO - la recensione

GO
XL (CD)
Sul palco, sotto i riflettori, c'è sempre lui, solo che stavolta alle sue spalle hanno cambiato la scenografia: perché - piaccia o meno - la voce di Jonsi, il frontman dei Sigur Ros, che con "Go" debutta con un album solista non strumentale cantanto quasi tutto in inglese, rimane una delle più immediatamente riconoscibili sul panorama musicale mondiale, così come il suo approccio alla composizione rimane quello che abbiamo imparato a conoscere con il gruppo col quale ha raggiunto la fama. Campo libero, quindi, a riverberi, orchestrazioni sontuose, overdub vocali, armonie costruite sapientemente, arrangiamenti ad acquerello e tutto ciò che possa ricondurre all'universo artista dell'artista islandese, con una piccola ma enorme differenza rispetto al passato: libero dalle monolitiche strutture che caratterizzano le suite targate Sigur Ros, Jonsi in "Go" spicca il volo verso lidi decisamente più pop, abbandonando in parte l'astrazione in favore di un atteggiamento molto più concreto e facilmente decifrabile. Da "Go do", in apertura, a "Animal arithmetic", "Boy Lilikoi" e "Around us", la rarefazione del suona lascia spazio a ritmi molto ben definiti, quasi da club, che comunque non mancano di supportare l'onnipresente tappeto orchestrale che fa da sottofondo ai nove episodi. Paradossalmente, pur essendo decisamente più pop oriented rispetto alle precedenti prove con il suo main project, "Go" è un disco tutt'altro che facile: chi ama i Sigur Ros potrebbe trovarsi spiazzato da tanta immediatezza, che pur non rifugge dalla classe e dalla raffinatezza che da sempre accompagnano la produzione del gruppo connazionale di Bjork. Chi invece non è avvezzo alla voce e allo stile di Jonsi potrebbe trovarsi tra le mani un album ottimo ma forse troppo poco convenzionale per passare come un disco di canzoni pop. Difficile dire se "Go" sia la via della voce dei Sigur Ros alla "song" tradizionalmente intesa: di certo, questo disco è testimonianza di un artista con personalità e talento sufficienti da non farsi incastonare in un ruolo, seppur prestigioso. E, immaginiamo, sia molto di più di uno dei due lati di una medaglia.

TRACKLIST

01. Go do
02. Animal arithmetic
03. Tornado
04. Boy Lilikoi
05. Sinking friendships
06. Kolniður
07. Around us
08. Grow till tall
09. Hengilás