«MEÐ SUÐ Í EYRUM VIÐ SPILUM ENDALAUST - Sigur Ros» la recensione di Rockol

Sigur Ros - MEÐ SUÐ Í EYRUM VIÐ SPILUM ENDALAUST - la recensione

Recensione del 27 giu 2008 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

La sorpresa, almeno quella apparente, arriva leggendo l'ultimo titolo della tracklist, o sentendo l'ultima canzone: i Sigur Ros cantano in inglese. In realtà “All right” è tra le meno belle del disco, è appena sussurrata e poco importa che sia cantata in inglese, islandese o una lingua immaginaria. I Sigur Ros hanno costruito buona parte della loro originalità proprio sul trattare le parole come suoni, non come significati. Mettersi non solo a “sentire” ma ad “ascoltare” le parole delle loro canzoni, come questa permette di fare anche a chi sa un po' di inglese, toglie un po' della magia.
La vera sorpresa non è neanche che i Sigur Ros pubblicano un nuovo disco senza quasi annunciarlo, a pochi mesi da “Hvarf/Heim” (che però non era un lavoro inedito). La vera sorpresa è che i Sigur Ros hanno deciso di portare la loro magia verso nuove sonorità. Qualcuno ha anticipato che questo è un disco più pop. No, è solo un po' più allegro e fricchettone, come i ragazzi che corrono nudi sulla copertina: i ritmi sono più sostenuti (ma non sempre, perché non mancano i brani ultra dilatati come “Festival”, o “Ara batur”), l'impasto sempre avvolgente, ma più diretto, come nel singolo “Gobbledigook”. Un disco che definire pop è eccessivo, ma è siucuramente meno autunnale e più estivo: della bella stagione, più che ritmi da spiaggia, ha quella piacevole indolenza rilassata di una giornata passata all'aperto.
Li si ama o li si odia, i Sigur Ros. Ma è fuori dubbio che se vi mettete a ragionare sugli artisti che negli ultimi anni hanno prodotto musica davvero originale, che non assomigli a questo o a quello, il loro nome è uno dei primi a venire fuori. Questo album dall'impronunciabile titolo ("Með suð í eyrum við spilum endalaust" in italiano significa "Con un ronzio nelle orecchie suoniamo all’infinito") è sicuramente un passo in avanti per questa band, che non smette di provare a trovare nuove soluzioni per una musica originale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.