«DEPRIMOMAGGIO - Frankie Hi Nrg Mc» la recensione di Rockol

Frankie Hi Nrg Mc - DEPRIMOMAGGIO - la recensione

Recensione del 12 mar 2008 a cura di Luca Bernini

La recensione

Fedele a un iter creativo che lo vede parsimonioso in quanto a uscite discografiche (soltanto quattro album di inediti tra il 1991 e il 2008, in media uno ogni quattro/cinque anni), Frankie HI NRG torna sul mercato con un nuovo disco, lungamente meditato e per questo assai acuminato sul fronte dei testi. Diciamo “torna sul mercato” perché la sua partecipazione al Festival di Sanremo ha avuto la capacità di farcelo apparire più “normalizzato” e inquadrato negli schemi del (finto) dialogo tv molto più di quanto abbia avuto il potere di impressionarci per forza trasgressiva il suo brano proposto alla kermesse canora, “Rivoluzione”. Insomma, è sembrato più promozione che provocazione, a scapito a tratti di un carisma che, almeno sulla carta, il rapper naturalizzato umbro aveva saputo mantenere assai alto finora.
Ma parliamo dell’album, questo “DePrimo maggio” che sin dal titolo sembra avvalorare la tesi di un concept album dedicato a quella che di fatto è la problematica più generale e trasversale – insieme forse all’emergenza ambiente – della nostra attualità. Non tutto il disco in realtà è dedicato al tema del lavoro, ma anzi lo inquadra come macro problema all’interno di un Sistema sempre più degenerato e servito con fedeltà dal suo ministro più fedele, la Televisione.
Così, dopo un incipit dedicato alla rabbia e alla frustrazione della gente comune (“Pugni in tasca” cita l’omonimo film di rottura che vide l’esordio alla regia di Marco Bellocchio), rabbia e frustrazione che proseguono nel sanremese “Rivoluzione”, arrivano brani come “Direttore”, “Precariato”, la cover di Samuele Bersani “Chicco e spillo” e la conclusiva “Call center” a tratteggiare con ironia caustica – questo come sempre il miglior ingrediente dei lavori di Frankie – il Nuovo Ordine Italiano (Mondiale) fatto di neo-schiavismo spacciato per neo-imprenditorialismo, con ogni tipo di degenerazione ad esso connessa («uso vostre medicine per le vostre malattie») e la necessità di “svoltare” che ognuno di noi ha a disposizione come unica possibilità di salvezza.
C’è chi è pronto a genuflettersi (“Direttore”), chi finisce a fare in capro espiatorio dei grandi Misteri d’Italia (“Precariato”), chi tenta la rapina (“Chicco e spillo”), chi semplicemente si rassegna (“Call center”). Accanto a questi brani si segnala poi la surreale “Anoniman”, sigla di un immaginario telefilm dedicato ad un altro immaginario supereroe, in grado di assomigliare a comando a chiunque voglia (e qui la metafora si fa profonda e trasversale), e un trittico dedicato al mondo della televisione e alle sue distonie (già raccontate egregiamente nel precedente album “Ero un autarchico”), con brani come “Il giocattolo”, “Mattatoy” e “Squarto uomo”. Il tutto è sorretto da un parterre ospiti significativo, in grado di allineare nei diversi brani partecipazioni di Paola Cortellesi, Giorgia, Ascanio Celestini, Gianluca Nicoletti, Enrico Ruggeri, Roy Paci, Samuele Bersani.
Permeato di riferimenti culturali e musicali agli anni ’70, “DePrimo maggio” sembra legato a doppio filo a quegli anni in bianco e nero, probabilmente l’ultima stagione in cui l’Italia conservava una propria dimensione collettiva, prima che gli anni ’80 la trasformassero in un dorato paese di sogno “per molti, ma non per tutti”, per dirla come un celebre spot pubblicitario dell’epoca. Esattamente quello che sembra essere sparito oggi per fare posto a un personalismo che la politica più recente – con tutti i suoi “a solo” – si è limitata a recepire (come al solito in clamoroso ritardo) e a rilanciare.
“DePrimo maggio” vede Frankie giocare tutti i suoi assi, forse soltanto un po’ troppo forzato dall’ansia/necessità di trovare ad ogni costo dei ritornelli (spesso mediocri) che addolciscano la matrice hip hop del disco, mentre è proprio il “flow” del suo autore il marchio di fabbrica in grado di colpire al cuore. Sanremo, ritornelli… che la sindrome di “Anoniman” rischi di colpire anche Frankie?

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.