«W IVAN - Ivan Graziani» la recensione di Rockol

Ivan Graziani - W IVAN - la recensione

Recensione del 17 lug 2007

La recensione

Il primo gennaio del 1997 a Novafeltria (Pesaro), il cantautore abruzzese Ivan Graziani scompare all’età di 51 anni, sconfitto da un tumore inguaribile.
Sono trascorsi dieci anni da allora, un periodo nel quale si è ricordato l’artista per le sue opere più famose, ma si è anche scavato negli archivi audio e video alla ricerca di preziose perle perdute. Tra questi c’è anche la giornalista Maria Laura Giulietti la quale, dopo un lavoro di ricerca negli smisurati archivi Rai, ha costruito “W Ivan”, una biografia asciutta e rigorosa, realizzata semplicemente attraverso immagini rare e di repertorio e i racconti e le testimonianze delle persone vicine.
Il DVD è suddiviso in sedici sequenze, una per canzone, che in ordine cronologico documentano la sua ascesa, i successi, la sua unicità di cantautore rock, il suo virtuosismo chitarristico e la sua dimensione preferita: i concerti.
Si parte dalla sua prima apparizione televisiva con gli Anonima Sound (il suo primo gruppo di una certa notorietà) al Cantagiro del 1968 con la canzone "Parla tu": nonostante le stagioni della famosa manifestazione di Ezio Radaelli siano ben documentate, il piazzamento in ultima posizione della canzone aveva fino ad oggi penalizzato il recupero di queste storiche immagini. Si continua con una impacciata "ospitata" televisiva in "Bim Bum Bam" ( 1975 ) dove canta Ivan in playback "E sei così bella" accanto alla timidissima moglie Anna, fino ai più svariati palcoscenici: da quelli televisivi come "Jeans Concerto" ( "Taglia la testa al gallo", "Agnese", "Dottor Jekyll e Mr. Hide") e "L'altra domenica" ("Sabbia nel deserto") , a quelli dei concerti che la tv spesso documentava in occasione dell'uscita dei suoi album più importanti come "Pigro", materiale in pellicola che offre i brani più celebri come “Lugano addio”, “Monna Lisa”, “Agnese” e “Firenze”.
Da citare anche "Azzurro", la gara canora a squadre in onda su Raidue che si svolgeva a Bari. Qui Ivan canta "Il chitarrista", mentre i suoi compagni Amedeo Minghi, Bruno Lauzi e Gianni Bella si agitano in modo esilarante sullo sfondo; “Domenica musica", trasmissione di Raitre ( 1980-'81) che andava in onda la domenica mattina alle 10 in diretta da Roma (dove suona "Fuoco sulla collina"), o ancora un programma "giovane" sempre di Raitre "L'orecchiocchio"  (1983-'84) dove Ivan propone "Signora bionda dei ciliegi" e "Navi" .
A chiudere “W Ivan”, ecco le testimonianze di chi ha conosciuto a fondo Graziani: il produttore discografico Pierluigi Germini, il giornalista e autore televisivo Nicola Sisto e la moglie Anna (che smentisce la leggenda della presunta nascita di Ivan su un traghetto). Completano la sezione una galleria fotografica, i testi delle canzoni, i contenuti extra ( Ivan Graziani che suona davanti a 15.000 soldati in occasione dell'iniziativa "Caserme Aperte" del 1981 o nelle scuole ) e un lungo articolo conclusivo della autrice del lavoro.  
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.